Discussione:
OT:3 kWh insufficienti?
(troppo vecchio per rispondere)
monk
2015-02-14 22:37:08 UTC
Permalink
Sperando di non essere OT.
Piccola premessa avevo 6 kWh e per ridurre i costi e spendere meno sono
passato a 3 kWh.(credo che poi arrivi fino a 3,3kWh?)
Questa sera lavatrice accesa ,devo dire che è abbastanza vecchia più di
25anni,frigo acceso ,due televisori accesi,lampadina led accesa corridoio e
basta.Appena la lavatrizie ha iniziato la "centrifuga" il ,credo si chiami
,"interruttore differenziale" da 25A dentro l'appartamento scatta,mentre i
due magnetotermici (uno alle prese e uno alle lampadine non scattano)

Loading Image... come questo ma con
solo due magnetotermici,

Mi chiedo possibile che una lavatrice pur vecchia due televisori accesi e il
frigo e una lampadina led si "ciucciano" più di 3kWh?
Qualcuno per favore può darmi qualche consiglio?Ho chiamto vari elettricisti
o peseudo tali,ma tutti con risposte sibilline .
Un ringraziamento anticipato a tutti
AleTV
2015-02-15 08:52:00 UTC
Permalink
Post by monk
Sperando di non essere OT.
Piccola premessa avevo 6 kWh e per ridurre i costi e spendere meno sono
passato a 3 kWh.(credo che poi arrivi fino a 3,3kWh?)
Senza la h finale... sono 6 kW e 3 kW.
Quella povera h finale si mette quanto si parla di energia, non c'entra
nulla con la potenza.
Post by monk
Questa sera lavatrice accesa ,devo dire che è abbastanza vecchia più di
25anni,frigo acceso ,due televisori accesi,lampadina led accesa corridoio e
basta.Appena la lavatrizie ha iniziato la "centrifuga" il ,credo si chiami
,"interruttore differenziale" da 25A dentro l'appartamento scatta,mentre i
due magnetotermici (uno alle prese e uno alle lampadine non scattano)
Se scatta il differenziale mi sa che hai problemi di dispersione verso
terra e non di troppa potenza impiegata.
Post by monk
Ho chiamto vari
elettricisti
o peseudo tali,ma tutti con risposte sibilline .
Tipo?
Gab
2015-02-15 09:06:43 UTC
Permalink
Post by monk
Sperando di non essere OT.
Piccola premessa avevo 6 kWh e per ridurre i costi e spendere meno sono
passato a 3 kWh.(credo che poi arrivi fino a 3,3kWh?)
Questa sera lavatrice accesa ,devo dire che è abbastanza vecchia più di
25anni,frigo acceso ,due televisori accesi,lampadina led accesa corridoio e
basta.Appena la lavatrizie ha iniziato la "centrifuga" il ,credo si chiami
,"interruttore differenziale" da 25A dentro l'appartamento scatta,mentre i
due magnetotermici (uno alle prese e uno alle lampadine non scattano)
http://www.techup.it/files/image/1923/450rDSC_0643.JPG come questo ma con
solo due magnetotermici,
Mi chiedo possibile che una lavatrice pur vecchia due televisori accesi e il
frigo e una lampadina led si "ciucciano" più di 3kWh?
Qualcuno per favore può darmi qualche consiglio?Ho chiamto vari elettricisti
o peseudo tali,ma tutti con risposte sibilline .
Un ringraziamento anticipato a tutti
Idem per me, stessa esperienza. Chiaro e Tondo! i 3Kw, oggi, con i
consumi di una famiglia e elettrodomestici che ormai tutti hanno,
3Kw non bastano!! e anche passando a 4.5 non si risolve il problema,
solo si migliora leggermente. D'altra parte se si vuole spendere meno
bisogna adattarsi al disagio. Spendere meno poi per modo di dire perchè
anche a 3Kw, con tutti gli eletrodomestici, la spesa è sempre molto
alta, almeno la mia è sempre alta. Frigo, Frizer, lavastoviglie,
lavatrice, asciugatrice (che meraviglia!), forno, microonde,
lucidatrice, aspirapolvere, Computer, stampanti, ed altri piccoli
elettrodomestici, 2 TV, illuminazione....la bolletta pesa un bel po'.
E penso che siamo più o meno messi tutti così.
Ciao
















---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
http://www.avast.com
monk
2015-02-15 09:47:20 UTC
Permalink
Idem per me, stessa esperienza. Chiaro e Tondo! i 3Kw, oggi, con i consumi
di una famiglia e elettrodomestici che ormai tutti hanno,
3Kw non bastano!! e anche passando a 4.5 non si risolve il problema, solo
si migliora leggermente. D'altra parte se si vuole spendere meno bisogna
adattarsi al disagio. Spendere meno poi per modo di dire perchè anche a
3Kw, con tutti gli eletrodomestici, la spesa è sempre molto alta, almeno
la mia è sempre alta. Frigo, Frizer, lavastoviglie, lavatrice,
asciugatrice (che meraviglia!), forno, microonde, lucidatrice,
aspirapolvere, Computer, stampanti, ed altri piccoli elettrodomestici, 2
TV, illuminazione....la bolletta pesa un bel po'.
E penso che siamo più o meno messi tutti così.
Ciao
Purtroppo hai ragione in pieno.A me arrivano bollette bimestrali che vanno
dai 185/205 euro nonostante che di mattina al 90% non c'è nessuno in casa e
funziona solo il frigorifero.Il pomeriggio frigo ovviamente e TV e sera
altra TV e lamapdine led cucina corridoio e camera.Lavastoviglie più o meno
ogni due giorni e lavatrice 2 volte a settimana
ciao e grazie
Roberto Deboni DMIsr
2015-02-15 12:43:24 UTC
Permalink
...snip...
Post by Gab
Idem per me, stessa esperienza. Chiaro e Tondo!
Gia' a questo punto scatta l'attenzione ...
Post by Gab
i 3Kw, oggi, con i consumi di una famiglia e elettrodomestici che ormai
tutti hanno, 3Kw non bastano!!
Solo se si vuole usare tutto e subito.

Il vero "scoglio" ad una una potenza disponibile di 3 kW, in una famiglia
"normale" e' l'eventuale presenza di un boiler elettrico, perche', dovendo
funzionare per ore, toglie di fatto una potenza di 1,2-1,5 kW da quella
disponibile, ovvero, per tutte le ore in cui il boiler elettrico riscalda
l'acqua (e per riscaldare 80 litri c'e' ne vuole) e' come se aveste solo
un contratto con 1,8-2,1 kW disponibili, che e' decisamente poco.

Ma se non c'e' un apparecchio esigente come il boiler elettrico, grazie
alla tolleranza fino a 4 kW (da non superare le 3 ore in un giorno), una
famiglia puo' benissimo vivere felice e contenta, semplicemente evitando
di usare in contemporanea uno dei seguenti apparecchi:

- lavastoviglie
- lavatrice
- stufetta elettrica impostata ad oltre 1,2 kW
- phon se da oltre 1,2 kW (tipo i modelli da 1,6 kW ...)
- ferro da stiro a caldaia in fase di preriscaldamento
- condizionatore/pompa di calore multisplit (ovvero che superano 1 kW)
- ...

insomma, l'idea e' di stare sotto i 4 kW considerata la presenza di
carichi permanenti/semipermanenti intorno ai 500 W che consistono nel
frigorifero+luci+televisori. Se e' c'e' un congelatore in piu', occorre
fare qualche calcolo (se frigo e congelatori sono classe A++ non c'e'
problema, appena non siano di dimensioni "amerikane").

Insomma, la famiglia media italiana, quella dei 2,7 kW*h/annui di consumi
non ha nulla da temere. La famiglia italiana superaccessoriata, con
4 componenti e piu' in famiglia, che svolgono attivita' indipendenti
(ovvero ogni figlio nella sua stanzetta), non e' poi cosi' comune
come invece potrebbe apparire dalla televisione. Generalmente le famiglie
numerose non sono cosi' "benestanti". Alla fine, anche l'uso del
condizionatore non e' cosi' diffuso come invece i proprietari di SUV
vogliono fare credere.

Diverso e' il caso per chi usa pompe di calore, ma c'e' la possibilita'
di ottenere 3 kW di potenza ad una tariffa non penalizzante (D1) in questo
caso specifico:

http://www.enel.it/it-IT/clienti/enel_servizio_elettrico/tariffe_per_la_casa/tariffa_d1_pompe_di_calore/

ed offerta non solo da ENEL SERVIZIO ELETTRICO, ma anche da.

http://www.autorita.energia.it/ModuliDinamiciPortale/elencooperatori/elencoMaggiorTutela

A.C.S.M. S.P.A.- AZ. CONSORZIALE SERVIZI MUNICIPALIZZATI
A.E.M. COMUNE DI CHIOMONTE
A.E.M. GESTIONI S.R.L.
A.I.M. ENERGY S.R.L.
A2A ENERGIA S.P.A.
ACEA ENERGIA SPA
AEVV ENERGIE S.R.L.
AGSM ENERGIA Spa
ASP - AZIENDA SERVIZI POLVERIGI S.R.L.
ASTEA ENERGIA SPA
AZIENDA ELETTRICA COMUNALE CASTELLO
C.E.G. SOCIETA' COOPERATIVA ELETTRICA GIGNOD
COMUNE DI ANDALO
COMUNE DI BENETUTTI
COMUNE DI CASTIGLIONE DI SICILIA
COMUNE DI CAVALESE - AEC
COMUNE DI EXILLES
COMUNE DI FRANCAVILLA DI SICILIA
COMUNE DI NOVALESA
COMUNE DI RONCO CANAVESE
COMUNE DI RONCONE - SERVIZI ELETTRICI
COMUNE DI SALBERTRAND
COMUNE DI VALPRATO SOANA
CONSORZIO ELETTRICO DI STORO SOCIETA' COOPERATIVA
CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO S.C.
Consorzio per i Servizi Territoriali del Noce
CVA TRADING SRL A SU
ENEL SERVIZIO ELETTRICO S.P.A.
GERMANO INDUSTRIE ELETTRICHE S.R.L.
HERA COMM S.R.L. SOCIO UNICO HERA S.P.A.
IMPRESA CAMPO ELETTRICITA' I.C.EL. S.R.L.
IMPRESA ELETTRICA D'ANNA E BONACCORSI S.N.C
IREN MERCATO SPA
S.EL.I.S. LAMPEDUSA S.P.A.
S.EL.I.S. LINOSA S.P.A.
S.EL.I.S. MARETTIMO S.P.A.
S.MED.E. PANTELLERIA S.P.A.
SEA SOC. ELETTRICA DI FAVIGNANA S.P.A.
SOCIETA ELETTRICA PONZESE
SOCIETA' ELETRICA IN MORBEGNO COOPERATIVA PER AZIONI
TRENTA S.P.A.

ed anche sul mercato libero:

http://www.autorita.energia.it/ModuliDinamiciPortale/elencooperatori/elencoOperPompeCalore

AMGAS blu s.r.l.
APE SRL
ARGOS ENERGIA SRL
ASCOTRADE S.P.A.
ASM SET S.R.L.
Azienda Elettrica Ticinese Italia Srl
BASILICATA ENERGIA S.R.L
BLUE META SPA A SOCIO UNICO
CER SCARL
ENEL ENERGIA S.P.A.
ENERCOM S.R.L.
ETRA ENERGIA
FINTEL ENERGIA GROUP SPA
GAS SALES S.R.L.
HERA COMM S.R.L. SOCIO UNICO HERA S.P.A.
Illumia SpA
InEnergy srl
IREN MERCATO SPA
Nordovest Energie Srl
PASSUELLO F.LLI S.R.L.
PASUBIO SERVIZI S.R.L. UNIPERSONALE
SELTRADE SPA
SOENERGY S.R.L.
TEAENERGIA S.R.L
TRENTA S.P.A.
VERITAS ENERGIA
Post by Gab
e anche passando a 4.5 non si risolve il problema, solo si
migliora leggermente.
Lasciamo perdere.
Post by Gab
D'altra parte se si vuole spendere meno bisogna adattarsi al disagio.
Vero. Ma questo disagio puo' essere trascurabile se si utilizzano
sistema automatici di gestione della potenza.
Post by Gab
Spendere meno poi per modo di dire perchè anche a 3Kw, con tutti gli
eletrodomestici, la spesa è sempre molto alta, almeno la mia è sempre
alta.
Se ci da una cifra "molto alta" non ci dice nulla.

Posso solo ricordare, che a causa del sistema tariffario del mercato
a prezzo imposto (o "tutelato" qualsivoglia definire), a chi consuma
oltre 4000-4500 kW*h/anno conviene passare ad un contratto usi-diversi,
perche' il costo salato delle quote fisso dei contratti non domestici
diventa irrisorio di fronte ad un costo dell'energia che corre verso
i 40 centesimi/kW*h!
Post by Gab
Frigo, Freezer,
"congelatore" ? Perche' frigo=freezer
Post by Gab
lavastoviglie, lavatrice,
asciugatrice (che meraviglia!),
Un uso corretto della ventilazione domestica, non solo permette
di asciugare l'ambiente domestico, evitando muffe ed umidita', ma anche
ad asciugare rapidamente (nel giro di un ora) il bucato stesso anche
in pieno inverno. Una volta c'era la nonna che insegnava i trucchi alla
mammina giovane. Ma oggi, che la "nonna" e' spesso una ex-segretaria
in pensione (ovvero ne sa quanto la nipote ...) si *forza* la natura
con la forza brutta dell'energia. E la natura si vendica con i disastri
naturali (la generazioni di una volta, specie quelle contadine, sapevano
risconoscere i legami indiretti tra le azioni quotidiane ed eventi a
piu' ampio respiro).

Mai pensato che quell'albero che si e' abbattuto sulla vostra SUV nuova
e' anche conseguenza del vostro forsennato uso degli asciugatori elettrici ?
Legame logico troppo difficile ...
Post by Gab
forno, microonde, lucidatrice,
l'assorbimento della lucidatrice e' moderato, ben altro e' quello dei
grossi aspirapolvere
Post by Gab
aspirapolvere, Computer, stampanti, ed altri piccoli elettrodomestici,
essendo, piccoli, e sempre piu' efficienti, l'aumento del numero si
compensa con la minore potenza individuale. Inoltre, a parte gli scemi,
oggi si recupera fino a 300W di potenza disponibile semplicemente
eliminando le lampadine ad incandescenza.
Post by Gab
2
TV,
che consumano meno di una modesa a tubo da 20" dei tempi passati ...
Post by Gab
illuminazione....la bolletta pesa un bel po'. E penso che siamo più
o meno messi tutti così.
Ma neanche per sogno! Per esempio un numero sorprendente di famiglie
mi ha evidenziato una sensibilita' alla problematica della efficienza
energetica che ha ridotto la potenza media di molti apparecchi di
utilizzo comune.

Indubbiamente pero' in Italia si tendeva a penalizzare i grossi
consumatori di energia elettrica, anche quando non "sprecavano".
Oggi, con la tariffa D1 per le pompe di calore, abbiamo una prima
apertura in senso opposto.

Infatti aumentare i consumi elettrici non significa sempre "spreco",
specialmente se a fronte dell'aumento dei consumi elettrici abbiamo
ottenuto una riduzione totale dei nostri consumi di energia primario
(che alla fine della giostra, e' quella che va ridotta!).
Gab
2015-02-15 15:47:56 UTC
Permalink
Egregio Roberto,
Lei ha scritto tante cose utili e interessanti per le
quali la ringrazio. Una vera utilissima lezione.
Ma... il problema dei comuni mortali è che il limitatore (quello sul
contatore) scatta. E scatta troppo spesso. E' ovvio che si cerca di non
utilizzare gli elettrodomestici di forte consumo contemporaneamente ma
sembra che tutti i santi aiutino l'Enel perchè le bollette sono alte e
visto che lei me lo chiede le mie raggiungono i 300 euro (con 3Kw).
Ho interpellato anche i tecnici Enel e ho richiesto una visita in loco
che mi è stata negata perchè, dicono loro, tutto è in ordine. Non so se
ci possa essere una dispersione da qualche parte. Una volta c'erano i
contatori con la "rotella" con i quali era possibile vedere se la
rotella girava anche senza carico, ora invece, con i contatori moderni
non è più possibile vedere se c'è consumo di corrente. Prenderò in
considerazione la sua utilissima lezione e esaminerò i vari tipi di
contratto che lei ha menzionato. Attualmente ho Enel maggior tutela.
L'asciugatrice? no no, la nonna si va a nascondere. L'abbiamo da un paio
d'anni e anche mia moglie, che è la più diretta interessata, concorda
che è la migliore spesa fatta in questi ultimi anni. Non più stendere e
la biancheria esce perfettamente asciutta, morbida, profumata come non
mai. Io la consiglio, eccome se la consiglio. Naturalmente faccio
riferimento a quella che noi abbiamo acquistato, altre marche non so se
si comportano allo stesso modo. (non menziono per non fare pubblicità).
NO, noi non abbiamo boiler elettrico, ma a gas. Stufette elettriche le
utilizziamo molto raramente. Ecco, dimenticavo i condizionatori. Quelli
si li usiamo ma solo quando il caldo diventa insopportabile, e uno alla
volta perchè due contemporaneamente fanno scattare il famigerato limitatore.
Frigo e freezer a pozzetto sono due cose indipendenti, il primo è in
cucina l'altro in cantina. Il secondo, se preferisce lo può chiamare
congelatore.
Potrebbe gentilmente chiarire un po' meglio la questione dei contratti
usi-diversi? Il nostro consumo annuale supera i 6000 kw*/h. Sempre
rimanendo con Enel maggior tutela perchè dal mercato libero ho avuto
sgradite sorprese e li ho tutti cancellati dal mio vocabolario (e anche
dalla mia mente per non avere incubi notturni).
La ringrazio per i chiarimenti che ci ha voluto regalare, lei è una
manna per i poveri utenti succubi delle tariffe energia elettrica, e la
ringrazio anche per i consigli che vorrà darmi. Oggi si fa fatica a
tirare avanti il carretto e consigli utili sono i benvenuti.
Gab (Gabriele, ovvio)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
http://www.avast.com
AleTV
2015-02-15 16:54:32 UTC
Permalink
Post by Gab
Una volta c'erano i
contatori con la "rotella" con i quali era possibile vedere se la
rotella girava anche senza carico, ora invece, con i contatori moderni
non è più possibile vedere se c'è consumo di corrente.
Non è vero.
Sono 20 paginette, conviene leggerle...
https://eneldistribuzione.enel.it/it-IT/Lists/DOCUMENTIRETE/Contatore_Monofase_v1.pdf
Roberto Deboni DMIsr
2015-02-15 17:56:43 UTC
Permalink
...snip...
Post by Gab
Lei ha scritto tante cose utili e interessanti per le
quali la ringrazio. Una vera utilissima lezione. Ma... il problema dei
comuni mortali è che il limitatore (quello sul contatore) scatta.
Che ne dice se togliamo il plurale majestatis, evita di porgersi come
rappresentante di qualche non meglio definita categoria e si limita
a citare la sua esperienza con frasi come:

"Ma... il problema è che il limitatore (quello sul contatore) MI scatta."

Vede, ho cercato di spiegarlielo: la sua NON E' AFFATTO la condizione del
"comune mortale" se con tale interlocuzione intendeva "la maggioranza" o
"una grossa fetta" dei consumatori elettrici. Infatti, con il cavolo che
e' comune un alto consumo elettrico, come il possesso di tutti quei
elettrodomestici, a partire da asciugatrice termica (ovvero che usa il
calore e non la ventilazione per asciugare) e lavastoviglie.

E' importante tenere presente questo (che lei e' un caso anomalo) perche'
richiede soluzioni "speciali", ad hoc :-)

Vuole che le cito le statistiche di quante famiglie italiane hanno la
lavastoviglie e ... la usano quotidiniamente ?

La realta' si estrapola facilmente dalla media di consumo nazionale:
2700 kW*h/famiglia. Secondo lei ci si sta dentro con la lavastoviglie
usata tutti i giorni e l'asciugatrice termica due volte alla settimana ?
Post by Gab
E
scatta troppo spesso.
Significa:

a) che abbiamo un problema "di razionalita'" da parte degli utilizzatori.
b) oppure che non gliene importa perche' non gli crea grossi problemi
Post by Gab
E' ovvio che si cerca di non utilizzare gli
elettrodomestici di forte consumo contemporaneamente ma sembra che tutti
i santi aiutino l'Enel perchè le bollette sono alte
Le bollette "alte" non hanno nulla a che fare con un contatore che salta
e se lei mi fa di questi pastoni facciamo solo confusione.
Post by Gab
e visto che lei me
lo chiede le mie raggiungono i 300 euro (con 3Kw).
Vede, 300 (suppongo bimestrali) fanno 1800 Euro annue. Grazie agli strumenti
forniti dall'AEEGSI e' immediato scoprire che in tariffa a mercato tutelato
si tratta di un consumo annuo (sbalorditivo per questo paese) di
ben 6500 kW*h annue. E per farle vedere che non scrivo a vanvera, ecco la
composizione di cio' che lei (afferma) di pagare:

Servizio di maggior tutela - prezzo biorario
Potenza 3 kW contrattauli, residente, 6500 kW*h di consumo distribuite
come 3000 kW*h in fascia F1 e 3500 kW*h in fascia F23

Energia 415,22
Dispacciamento 86,65
Componente disp. 40,16
Componente pereq. 2,54
-----------------------
Quota energia 544,56

Commercializzazione vendita 30,00
Componente disp. (sconto) -10,43
----------------------------------
Quota fissa vendita 19,57

Quota fissa servizi rete 7,08
Quota potenza 19,80
Quota variabile 450,40 (per 6500 kW*h)
----------------------------------
Servizi di rete 477,28

Componente A3 352,50 (e' il suo contributo al fotovoltaico)
Componenti Ax, UC e MCT 94,32 (tutte meno la A3)
----------------------------------
Oneri generali di sistema 446,82

Imposte di consumo 147,55

Imponibile IVA 1635,78
IVA 10% 163,58
----------------------------------
Totale finito 1799,36 ~ 1800 Euro

Ed ora facciamo qualche stima, consumatori domestici circa 30 milioni,
con una media di 2700 kW*h fanno 81000 milioni di kW*h/anno
considerando che abbiamo uno zoccolo duro di 1800 kW*h/anno (meno di tale
consumo per una famiglia e' quasi impossibile, salvo casi anomali), si
ha che ci restano 27000 milioni di kW*h/anno da distribuire. Supponiamo
che lei non sia proprio una "rarita'", ma rappresenti un 10% dei
consumatori. Allora sareste 3 milioni e quindi, da soli vi mangiate
6500-1800 * 3 milioni = 14100 milioni di kW*h dei 27000. Cio' che resta
da spalmare sui restanti sono solo 12900 milioni di kW*h. Supponiamo
che solo il 10% consumi il minimo di 1800 kW*h, quindi restano 30-3-3 =
24 milioni su cui spalmare 12900 milioni di kW*h che fanno 537 kW*h
a testa, ovvero aggiunti ai 1800 di "zoccolo duro" fanno 2338 kW*h
a testa anno.

Riepilogando, se lei rappresentasse un 10% dei consumatori, allora
ed un altro 10% fossero quelli minimi, allora avremo che il restante
80% consuma solo 2338 kW*h/anno, tanto per indicare quanto la sua
esperienza e' lontana da quella del comune mortale.

Attenzione, se aumentiamo il numero dei "tizi con la sua esperienza",
ad esempio raddoppiando al 20% dei consumatori, avremo che per fare
capienza con il consumo totale di 81000 milioni, TUTTI il restante
80% dovrebbe consumare meno dei 1800 kW*h citati (allontanando ancora
di piu' la sua esperienza da quella dei comuni mortali).

E' piu' probabile che in realta' si vada nell'altra direzione e forse
lei appartiene ad una fetta del 5% di privilegiati che si puo' permettere
tali consumi. Infatti oggi molti tirano la cinghia, evitando sprechi e
di consumare energia ove si possa sopperire con l'olio di gomito o
semplicemente con una gestione "intelligente" della casa (come quella
banale di aprire tutte le finestre due volte al giorno per 5 minuti, non
di piu', anche in pieno inverno - l'effetto sul tasso di umidita' e'
drammatico, con un crollo a valori medi del 30%-40%, a seconda di quanta
nebbia ci sia fuori).
Post by Gab
Ho interpellato anche
i tecnici Enel e ho richiesto una visita in loco che mi è stata negata
perchè, dicono loro, tutto è in ordine. Non so se ci possa essere una
dispersione da qualche parte.
Una dispersione di quell'ordine farebbe inchiodare il differenziale
su staccato.
Post by Gab
Una volta c'erano i contatori con la
"rotella" con i quali era possibile vedere se la rotella girava anche
senza carico, ora invece, con i contatori moderni non è più possibile
vedere se c'è consumo di corrente.
Ha letto il manuale:

https://eneldistribuzione.enel.it/it-IT/Lists/DOCUMENTIRETE/Contatore_Monofase_v1.pdf

?

Le e' stato consegnato al momento del cambio contatore ed anche se l'avesse
perso una semplice richiesta ad ENEL le avrebbero mandato una copia o
suggerito l'indirizzo a cui scaricare il documento in formato PDF (sopra).

Ora, la prendo per la manina e la guido a pagina 6 dove in premessa
la informano che:
-----------------------------------------------------------------------
Ti basterà premere il pulsante e sul display a cristalli liquidi potrai:

• controllare i tuoi consumi e sapere in ogni momento quanta energia
elettrica hai consumato;

• conoscere in ogni momento l’effettiva potenza assorbita da lampadine,
elettrodomestici e apparecchi elettrici.
Ogni due minuti, infatti, il contatore elettronico registra e aggiorna
automaticamente i chilowatt (kW) prelevati.
-----------------------------------------------------------------------

Il nuovo telegestore e' un gioiellino che le mostra ben piu' di una
rotellina che gira. Ad esempio, conserva per un mese intero l'ultima
lettura del mese precedente, cosi' che puo' prendersi gli appunti e
scrivere il numero su un quaderno e cosi' controllare la prossima
bolletta elettrica.

Vediamo come. Prima di tutto, a destra del visualizzatore c'e' un pulsante.
E' l'unico pulsante, e non puo' sbagliarsi, anche se ci fosse buio.
Saltiamo a pagina 11.

Ora prema una volta il pulsante: appare un numero, quello e' il suo numero
cliente. Controlli che sia lo stesso sulle sue bollette elettriche.
Se il numero non corrisponde, significa che sta pagando i consumi di un
altro contatore (magari e' questo il suo caso ?)

Mentre scrive il numero, se passa piu' di un certo tempo, il numero
scompare e lei deve ripremere prima di passare ai valori successivi.

Qui posso dare un semplice suggerimento. Scrivere in piedi (o in ginocchio,
se come il mio, il telegestore e' piuttosto basso) e' scomodo. E poi
d'inverno nello scantinato fa un freddo cane. Come fare ?

Ormai chi e' che non ha la macchina fotografica digitale o altro apparecchio
con macchina fotografica inclusa (cellulare ?) ? Ho appena acquistato
un cellulare alla GDO (Grossa Distribuzione Organizzata, e' inutile che
faccia pubblicita') con doppia SIM, ambedue attive, sensore fotografico
ed alloggiamente per memoria SD aggiuntiva (cosi' le foto non occupano e
non sono limitate dallo spazio della memoria delle SIM), radio FM ed altre
amenita' al prezzo strasferico di 19,90 euro.
Quindi se non ha ancora un apparecchio fotografico digitale, e' l'occasione
di guardarsi in giro e pigliare sette piccioni con una fava ...

Munito di tale strabiliante strumento moderno, non deve fare altro che
premere il pulsante e fotografare, premere il pulsante e fotografare, fino
a quando il schermo torna vuoto (circa 30 volte) e poi tornare al caldo su
in casa, trasferire le foto sul PC (o notebook o tablet o quello che ha)
e guardarsele con calma. Oppure se vuole, le guarda direttamente
dall'apparecchio fotografico (ma forse le servira' una lente
d'ingrandimento).

Pero', se le interessa solo l'assorbimento instanteo, basta premere 3 volte
(con calma, al ritmo di una presssione ogni 2 secondi, a partire dal
visore "vuoto") e puo' leggere:

Pot.Istant = 00x,x

Questo numero e' in kW, percio' se legge:

Pot.Istant = 000,0

significa che il suo assorbimento non e' detto sia zero, ma qualcosa
come meno di 000,05 kW = 50 W che arrotondando alla unica cifra
decimale diventa zero.

Se legge invece 000,x significa che sta assorbendo x00 watt, ad esempio
se sono 000,5 significa 500 watt, se 000,6 signfica 600 watt e cosi'
via.

Se legge 001,2 significa che sta assorbendo 1,2 kW di potenza e cosi'
via.

Chiaro ? Come vede e' molto meglio della rotellina, perche' non deve
munirsi di "cronometro" e misurare la velocita' con cui gira la
rotellina per capire se sta consumando tanto o poco.

Unico cautela: il valore visualizzato non e' istantaneo, ma il valore
campionato ogni 2 minuti, percio' se vuole misurare quanto consuma un
apparecchio, deve lasciarlo attaccato per piu' di due minuti, prima di
vedere rispecchiato il valore di assorbimento sul telegestore.

Se vuole una misura di potenza istantanea, deve per forza acquistare
un wattmetro (LIDL ogni tanto ne mette in vendita uno per poco piu'
di 10 Euro - per uno con le sue bollette, e' una spesa ridicola).
Post by Gab
Prenderò in considerazione la sua
utilissima lezione e esaminerò i vari tipi di contratto che lei ha
menzionato. Attualmente ho Enel maggior tutela. L'asciugatrice? no no,
la nonna si va a nascondere. L'abbiamo da un paio d'anni e anche mia
moglie, che è la più diretta interessata, concorda che è la migliore
spesa fatta in questi ultimi anni. Non più stendere e la biancheria esce
perfettamente asciutta, morbida, profumata come non mai. Io la
consiglio, eccome se la consiglio.
Il "profumo" dipende dal bucato e dalla rapidita' di asciugatura. Con una
adeguata manovra di ventilazione del luogo ove stende, puo' avere il
bucato asciutto in poche ore.
Per esempio, io che ho il bagno piccolo, faccio cosi': stendo la biancheria
e chiudo la porta, con finestra chiusa. In questa prima fase, la biancheria
sgocciola (quella non centrifugata, come i maglioni) e si riscalda (uscendo
dalla fasce di risciaquo e' gelida, visto che l'acqua arriva intorno ai 10
gradi Celsius). Ovvio che l'umidita' in poco tempo sale incredibilmente.
Dopo circa mezz'ora, spalanco la finestra (anche se fuori c'e' nebbia o
piove). Questo avvia un meraviglioso ciclo termodinamico. L'aria pesante
e umida, ma calda, esce dalla stanza dalla parte alta della finestra,
mentre dalla parte bassa entra l'aria esterna, che e' umida, ma cosa,
importante, e' anche fredda. Cio' che e' interessante e' che l'aria calda
che esce porta con se molta piu' acqua in sospensione dell'aria fredda che
entra. Dopo circa dieci minuti (non di piu' perche' se cominciano a gelare
i muri, allora si' che fatte lavorare il riscaldamento) si chiude la
finestra e si lascia aperta la porta del bagno. A questo punto la biancheria
e' solo "umida" non piu' bagnata. L'aria ha una bassa capacita' termica,
cioe' fa presto a scaldarsi, questo significa che l'aria umida, ma fredda,
rapidamente diventa "secca" (il tasso di umidita' relativa, all'aumentare
della temperatura, scende rapidamente, perche' l'aria calda ha maggiore
capacita' di "trattenere acqua" e la poca acqua contenuta in quella
fredda non basta piu' a mantenere costante il tasso relativao, ma comincia
ad assorbire umidita' dall'ambiente - sostanzialmente la biancheria che
sta asciguando). A questo punto la biancheria nel giro di un ora al
massimo termina l'asciugatura (ma non fino al punto di diventare secca:
non si stira la biancheria secca! altrimenti vi tocca lavorare molto con
il vapore del ferro da stiro) e nel contempo avete anche fornito un
ricambio di ossigeno alla casa.
Magari si potrebbe presumere che occorrono le mie nozioni di fisica
tecnica, ma mia nonna conosceva il trucco anche senza avere studiato
(anche se non sapeva l'esatto meccanismo). Oggi le donne (il "casalingo")
di case da chi imparano ?

Indubbiamente richiede un filo di attenzione (aprire e chiudere finestre
e porte) ed un fili di disagio (se si utilizza il bagno nella prima fase
e' un ambiente decisamente "umido"), ma si tratta di poco in confronto
al risparmio (sia elettrico, ma anche di riscaldamento).
Post by Gab
Naturalmente faccio riferimento a
quella che noi abbiamo acquistato, altre marche non so se si comportano
allo stesso modo. (non menziono per non fare pubblicità). NO, noi non
abbiamo boiler elettrico, ma a gas. Stufette elettriche le utilizziamo
molto raramente. Ecco, dimenticavo i condizionatori. Quelli si li usiamo
ma solo quando il caldo diventa insopportabile, e uno alla volta perchè
due contemporaneamente fanno scattare il famigerato limitatore. Frigo e
freezer a pozzetto sono due cose indipendenti, il primo è in cucina
l'altro in cantina. Il secondo, se preferisce lo può chiamare
congelatore.
Potrebbe gentilmente chiarire un po' meglio la questione dei contratti
usi-diversi? Il nostro consumo annuale supera i 6000 kw*/h.
Argh! Potevo risparmiarmi il calcolo, va bhe' lo lascio per la cronaca.
Post by Gab
Sempre
rimanendo con Enel maggior tutela perchè dal mercato libero ho avuto
sgradite sorprese e li ho tutti cancellati dal mio vocabolario (e anche
dalla mia mente per non avere incubi notturni).
Scommetto che la sua esperienza di "libero mercato" ha il nome
"ENEL Energia" (al 99% ... se e' scontento).
Post by Gab
La ringrazio per i
chiarimenti che ci ha voluto regalare, lei è una manna per i poveri
utenti succubi delle tariffe energia elettrica, e la ringrazio anche per
i consigli che vorrà darmi. Oggi si fa fatica a tirare avanti il
carretto e consigli utili sono i benvenuti. Gab (Gabriele, ovvio)
Se lei ha pompe di calore, ma sono almeno con una COP = 4 (aria-aria), puo'
aderire alla tariffa D1 aggiungendo un secondo contatore. E' vero che deve
pagare altri 3 kW di quote fisse di potenza, ma la cifra diventa irrisoria
di fronte al vantaggio di pagare l'elettricita' a meno di 20 eurocent/kW*h
invece che a 35 eurocent/kW*h.

Pensi: 1000 kW*h a 20 eurocent fanno 200 Euro, ma 35 eurocent fanno
350 Euro, con la differenza di 150 Euro si puo' pagare tutte le quote
fisse che vuole. E gli altri 1000 kW*h sono regalati ... (150 euro
risparmiate secche).

Inoltre cosi' si toglie dal suo contatore domestico il carico dei
condizionatori.

Se invece le pompe di calore sono obsolete o lei ha solo condizionatori
semplici, allora le conviene passare alla tariffa:

http://www.enel.it/it-IT/clienti/enel_servizio_elettrico/tariffe_per_la_casa/tariffe_per_usi_diversi/bta2.aspx

dove il prezzo dell'energia e' uguali dal primo all'ultimo, ma ben piu'
basso di come lei paga meta' dei consumi elettrici.

Il problema e' che con quei burocrati di ENEL puo' essere che le rifiutino
il passaggio ad usi diversi se la richiede come utenza domestica. Dovrebbe
fare qualche escamotage, tipo indicare il suo contatore come usi per
servizi domestici. So di un altro "grosso" consumatore che ci ha provato
ed e' riuscito a passare alla tariffa Usi Diversi con grande soddisfazione.

Notare che con gli usi diversi ogni kW di potenza in piu' le costerebbe
meno di 3 Euro al mese (se vuolesse aumentare la sua potenza), una cifra
modesta al confronto di quanto spende in bolletta.
Claiudio
2015-02-16 14:27:49 UTC
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Ora, la prendo per la manina e la guido a pagina 6 dove in premessa
-----------------------------------------------------------------------
Per un attimo ho pensato (cioè mi sono _illuso_) che Deboni avesse
cominciato ad usare il "tu" :-)
Roberto Deboni DMIsr
2015-02-16 16:19:08 UTC
Permalink
Post by Claiudio
Ora, la prendo per la manina e la guido a pagina 6 dove in premessa la
-----------------------------------------------------------------------
Per un attimo ho pensato (cioè mi sono _illuso_) che Deboni avesse
cominciato ad usare il "tu" :-)
Dovro' scrivere due paroline all'ufficio commerciale di ENEL ...
Gerolamo
2015-02-19 10:23:08 UTC
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
...snip...
Post by Gab
Lei ha scritto tante cose utili e interessanti per
le quali la ringrazio. Una vera utilissima lezione. Ma... il problema
dei comuni mortali è che il limitatore (quello sul contatore) scatta.
Che ne dice se togliamo il plurale majestatis, evita di porgersi come
rappresentante di qualche non meglio definita categoria e si limita
"Ma... il problema è che il limitatore (quello sul contatore) MI scatta."
Però il contatore scatta anche a me, se non sto più che attento.

Io ho:
- riscaldamento e acqua sanitaria a gas
- 1 Freezer (*)
- 1 Frigorifero (*)
- 1 Televisione al plasma (**)
- 1 Computer fisso + monitor (*)
- 1 Lavatrice (**)
- 1 Lavastoviglie (**)
- 1 Forno (**)
- 1 Microonde (**)
- 1 Deumidificatore (**)
- Luci varie tutte basso consumo (*)

(*) Da considerare come carico base alla sera

Se, oltre al carico base serale accendo 3 dispositivi
contrassegnati con (**) in contemporanea, la probabilità di superare
i 3KW è molto elevata. A volte anche con 2.

Il problema è che io sono a casa alla sera e alla notte, per cui
finisce che tipicamente devo organizzarmi le attività facendo
in sequenza:
- Preparare la cena con forno o microonde
- Far partire la lavatrice
- Programmare la lavastoviglie per partire quando la lavatrice ha finito
- a fine lavatrice stendere

A quel punto, però, il deumidificatore dove ho steso io panni non
lo accendo perchè mi andrebbe in sovrapposizione con la lavastoviglie
e il televisore, per cui aspetto l'ora in cui vado a letto e lo accendo
quando ho spento televisore e computer.

Insomma, per una persona che è a casa solo a sera e notte e magari vuole
sfruttare le tariffe biorarie, non è poi così comodo organizzarsi
per stare dentro i 3KW.

Se invece si possono sfruttare le 24h, beh, allora è molto più facile...
--
Gerolamo
Roberto Deboni DMIsr
2015-02-19 17:49:37 UTC
Permalink
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
...snip...
Post by Gab
Lei ha scritto tante cose utili e interessanti per
le quali la ringrazio. Una vera utilissima lezione. Ma... il problema
dei comuni mortali è che il limitatore (quello sul contatore) scatta.
Che ne dice se togliamo il plurale majestatis, evita di porgersi come
rappresentante di qualche non meglio definita categoria e si limita a
"Ma... il problema è che il limitatore (quello sul contatore) MI scatta."
Però il contatore scatta anche a me, se non sto più che attento.
- riscaldamento e acqua sanitaria a gas
- 1 Freezer (*)
Perche' non scrivere "congelatore" ?
Il problema di usare il termine inglese e' che non e' chiaro il
significato che gli viene dato qui.
Post by Gerolamo
- 1 Frigorifero (*)
- 1 Televisione al plasma (**)
Che potenza di targa ha ?
Post by Gerolamo
- 1 Computer fisso + monitor (*)
- 1 Lavatrice (**)
- 1 Lavastoviglie (**)
- 1 Forno (**)
- 1 Microonde (**)
- 1 Deumidificatore (**)
- Luci varie tutte basso consumo (*)
(*) Da considerare come carico base alla sera
Se, oltre al carico base serale accendo 3 dispositivi contrassegnati con
(**) in contemporanea, la probabilità di superare i 3KW è molto elevata.
Direi che e' certezza.
Post by Gerolamo
A volte anche con 2.
Con due e' in zona rischio.
Post by Gerolamo
Il problema è che io sono a casa alla sera e alla notte, per cui finisce
- Preparare la cena con forno o microonde - Far partire la lavatrice
- Programmare la lavastoviglie per partire quando la lavatrice ha finito
- a fine lavatrice stendere
Esigenze sue, e quindi ?
Post by Gerolamo
A quel punto, però, il deumidificatore dove ho steso io panni non lo
accendo perchè mi andrebbe in sovrapposizione con la lavastoviglie e il
televisore, per cui aspetto l'ora in cui vado a letto e lo accendo
quando ho spento televisore e computer.
Insomma, per una persona che è a casa solo a sera e notte e magari vuole
sfruttare le tariffe biorarie, non è poi così comodo organizzarsi per
stare dentro i 3KW.
Con le "sue" esigenze elettriche, non si vede perche' dovrebbe farlo.
Pare quasi un "soffrire" cercato.
Post by Gerolamo
Se invece si possono sfruttare le 24h, beh, allora è molto più facile...
I suoi "problemi" mi danno l'occasione per evidenziare una stranezza di
questo paese.

Vediamo la mia di situazione:

- riscaldamento e acqua sanitaria a gas

idem, ma ormai e' messo in naftalina (un paio di lampade alogene
di potenza, accesa solo quella che serve, sostituiscono)

- 1 Freezer (*)

mi basta il congelatore incluso nel frigorifero

- 1 Frigorifero (*)

oggi un "must" (e probabilmente la ragione per cui si "puo'" mangiare
molto piu' sano di una volta)

- 1 Televisione al plasma (**)

niente televisione, ma in ogni caso un televisore LED, anche di grande
schermo, ha consumo a regime sotto i 100W (il valore di targa e' un
"limite" massimo).

- 1 Computer fisso + monitor (*)

circa 240W misurati (valori di targa tra tutto 550W ... tanto per osservare
la differenza tra cio' che si crede e cio' che e')

- 1 Lavatrice (**)

un altro must (altrimenti occorre andare in lavanderia)

- 1 Lavastoviglie (**)

No. Ritengo che solo chi lavora puo' essere giustificato ad usare la
lavastoviglie (oppure e' un benestante)

- 1 Forno (**)

Forno elettrico ? A causa del sistema tariffario elettrico in Italia e'
un "no go". Anche se e' piu' sicuro di quello a gas, l'utilizzo costa
il triplo.

- 1 Microonde (**)

Preferisco la cucina tradizionale, ma piu' grave e' l'aspetto che le
confezioni, le preparazioni per microonde costano almeno tre volte di
piu' a parita' di portata risultante. Insomma, e' un approccio in
cucina per chi ha un buon reddito (oggi potremo limitarci a "ha un
reddito").

- 1 Deumidificatore (**)

Negativo, spreco di energia che puo' essere eliminato con un uso
corretto della ventilazione in casa. In quanto al "disturbo", e'
come sempre una questione di privilegi.

- Luci varie tutte basso consumo (*)

In conclusione, la situazione che lei riporta e' la situazione minoritaria
di una fascia benestante. Ebbene, non capisco perche' non ha gia'
incrementato la potenza contrattuale a 6 kW.
Dopotutto, sembra che se lo possa permettere.

La risposta sta nella tariffazione ?
AleX
2015-02-19 21:38:39 UTC
Permalink
Post by Gerolamo
- 1 Microonde (**)
Preferisco la cucina tradizionale, ma piu' grave e' l'aspetto che le
confezioni, le preparazioni per microonde costano almeno tre volte di
piu' a parita' di portata risultante. Insomma, e' un approccio in
cucina per chi ha un buon reddito (oggi potremo limitarci a "ha un
reddito").
Beh, non necessariamente il microonde serve per cucinare preparati per
microonde.

Ad esempio, puoi abbondare nella preparazione di una ricetta quando hai
tempo e congelare il surplus da tirar fuori quando sei di fretta.

Se si considera che le "confezioni famiglia" costano meno, il bilancio in
questo caso è in positivo.

Ciao,
AleX
Roberto Deboni DMIsr
2015-02-20 02:37:32 UTC
Permalink
Post by AleX
Post by Gerolamo
- 1 Microonde (**)
Preferisco la cucina tradizionale, ma piu' grave e' l'aspetto che le
confezioni, le preparazioni per microonde costano almeno tre volte di
piu' a parita' di portata risultante. Insomma, e' un approccio in
cucina per chi ha un buon reddito (oggi potremo limitarci a "ha un
reddito").
Beh, non necessariamente il microonde serve per cucinare preparati per
microonde.
Ad esempio, puoi abbondare nella preparazione di una ricetta quando hai
tempo e congelare il surplus da tirar fuori quando sei di fretta.
Se si considera che le "confezioni famiglia" costano meno, il bilancio
in questo caso è in positivo.
Fa un esempio di prodotto che capiamo ?
AleX
2015-02-20 19:36:34 UTC
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by AleX
Se si considera che le "confezioni famiglia" costano meno, il bilancio
in questo caso Ú in positivo.
Fa un esempio di prodotto che capiamo ?
-sugo per la pasta: preparato "per un reggimento" e congelato in comode
monoporzioni
- primi piatti: idem come sopra.
- polpette, polpettone e simili

etc etc etc

Ciao,
AleX
Sinuhe
2015-02-20 22:03:50 UTC
Permalink
Post by AleX
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by AleX
Se si considera che le "confezioni famiglia" costano meno, il bilancio
in questo caso è in positivo.
Fa un esempio di prodotto che capiamo ?
-sugo per la pasta: preparato "per un reggimento" e congelato in comode
monoporzioni
- primi piatti: idem come sopra.
- polpette, polpettone e simili
etc etc etc
praticamente l'uso che ne fanno tutti, a parte lui evidentemente...
AleX
2015-02-20 23:22:54 UTC
Permalink
Post by Sinuhe
praticamente l'uso che ne fanno tutti, a parte lui evidentemente...
che ti devo dire... ;-)

Ciao,
AleX
Gerolamo
2015-02-20 14:18:52 UTC
Permalink
Intanto grazie per le considerazioni interessanti,
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Però il contatore scatta anche a me, se non sto più che attento.
- riscaldamento e acqua sanitaria a gas
- 1 Freezer (*)
Perche' non scrivere "congelatore" ?
Il problema di usare il termine inglese e' che non e' chiaro il
significato che gli viene dato qui.
Ok, è un congelatore.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
- 1 Frigorifero (*)
- 1 Televisione al plasma (**)
Che potenza di targa ha ?
Consumo da acceso (IEC 62087 Edition 2) (W): 128
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
- 1 Computer fisso + monitor (*)
- 1 Lavatrice (**)
- 1 Lavastoviglie (**)
- 1 Forno (**)
- 1 Microonde (**)
- 1 Deumidificatore (**)
- Luci varie tutte basso consumo (*)
(*) Da considerare come carico base alla sera
Se, oltre al carico base serale accendo 3 dispositivi contrassegnati con
(**) in contemporanea, la probabilità di superare i 3KW è molto elevata.
Direi che e' certezza.
Post by Gerolamo
A volte anche con 2.
Con due e' in zona rischio.
Appunto.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Il problema è che io sono a casa alla sera e alla notte, per cui finisce
- Preparare la cena con forno o microonde - Far partire la lavatrice
- Programmare la lavastoviglie per partire quando la lavatrice ha finito
- a fine lavatrice stendere
Esigenze sue, e quindi ?
E quindi stavo semplicemente portando il mio esempio.

Non credo di essere una mosca bianca, avendo vari amici nella stessa
situazione, ma non ho numeri a comprovare.

Lei mi sa dire quanti sono in italia di maschi lavoratori che vivono
da soli in una casa sui 60 mq?
Aggiungerei anche le giovani coppie in case di simile dimensione
in cui entrambi sono lavoratori, che non mi pare una situazione troppo
diversa dal punto di vista dell'utilizzo.

Siamo così mosche bianche?
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
A quel punto, però, il deumidificatore dove ho steso io panni non lo
accendo perchè mi andrebbe in sovrapposizione con la lavastoviglie e il
televisore, per cui aspetto l'ora in cui vado a letto e lo accendo
quando ho spento televisore e computer.
Insomma, per una persona che è a casa solo a sera e notte e magari vuole
sfruttare le tariffe biorarie, non è poi così comodo organizzarsi per
stare dentro i 3KW.
Con le "sue" esigenze elettriche, non si vede perche' dovrebbe farlo.
Pare quasi un "soffrire" cercato.
Non capisco.
Proprio perchè sono a casa solo alla sera e alla notte dovrei poter
sfruttare al meglio la bioraria. Mi sbaglio?

In ogni caso qui i miei consumi annuali, dall'ultima bolletta (kWh):
F1 F2 F3 TOT
411 478 837 1.726

Se ha suggerimenti migliori, sono ben accetti.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Se invece si possono sfruttare le 24h, beh, allora è molto più facile...
I suoi "problemi" mi danno l'occasione per evidenziare una stranezza di
questo paese.
Perchè le mie considerazioni sui miei consumi energetici sono
diventate "problemi" tra virgolette?
Post by Roberto Deboni DMIsr
- riscaldamento e acqua sanitaria a gas
idem, ma ormai e' messo in naftalina (un paio di lampade alogene
di potenza, accesa solo quella che serve, sostituiscono)
Io l'ho trovato "incluso" all'acquisto della casa e non l'ho cambiato.
Post by Roberto Deboni DMIsr
- 1 Freezer (*)
mi basta il congelatore incluso nel frigorifero
Cucina piccola e cantina facilmente raggiungibile mi hanno
fatto propendere per un frigorifero piccolo e un congelatore
in cantina.
Post by Roberto Deboni DMIsr
- 1 Frigorifero (*)
oggi un "must" (e probabilmente la ragione per cui si "puo'" mangiare
molto piu' sano di una volta)
Concordo
Post by Roberto Deboni DMIsr
- 1 Televisione al plasma (**)
niente televisione, ma in ogni caso un televisore LED, anche di grande
schermo, ha consumo a regime sotto i 100W (il valore di targa e' un
"limite" massimo).
Ho resistito per molti anni, ma poi l'xbox... :D

Comunque io sono a 128W, come scrivevo sopra, ma, per il televisore
che ho preso, ho speso molto meno che per un equivalente a LED.
Sinceramente non ho fatto il conto di quanto mi costano di più i 28W,
ma a occhio non dovrebbe essere molto.
Post by Roberto Deboni DMIsr
- 1 Computer fisso + monitor (*)
circa 240W misurati (valori di targa tra tutto 550W ... tanto per osservare
la differenza tra cio' che si crede e cio' che e')
Idem
Post by Roberto Deboni DMIsr
- 1 Lavatrice (**)
un altro must (altrimenti occorre andare in lavanderia)
- 1 Lavastoviglie (**)
No. Ritengo che solo chi lavora puo' essere giustificato ad usare la
lavastoviglie (oppure e' un benestante)
E' sempre una questione di tempo.
Nella mia situazione è stato un cambio notevole di comfort e di ordine
della cucina.
Poi... intendiamoci... ne ho fatto a meno per anni e avrei potuto
continuare.
Post by Roberto Deboni DMIsr
- 1 Forno (**)
Forno elettrico ? A causa del sistema tariffario elettrico in Italia e'
un "no go". Anche se e' piu' sicuro di quello a gas, l'utilizzo costa
il triplo.
Probabilmente ha ragione lei.
Ma la parte "anche se è più sicuro di quello a gas" è stata
discriminante...
Post by Roberto Deboni DMIsr
- 1 Microonde (**)
Preferisco la cucina tradizionale, ma piu' grave e' l'aspetto che le
confezioni, le preparazioni per microonde costano almeno tre volte di
piu' a parita' di portata risultante. Insomma, e' un approccio in
cucina per chi ha un buon reddito (oggi potremo limitarci a "ha un
reddito").
Non so col conteggio del costo se sia davvero il triplo.

Io comunque utilizzo il microonde principalmente per:
- scongelare ciò che proviene dal congelatore, se non ci avevo
pensato prima
- riscaldare cibi già cucinati precedentemente, cosa non rara.
Post by Roberto Deboni DMIsr
- 1 Deumidificatore (**)
Negativo, spreco di energia che puo' essere eliminato con un uso
corretto della ventilazione in casa. In quanto al "disturbo", e'
come sempre una questione di privilegi.
Eh, Deboni... forse a casa sua! Ma lei non lo sa come è fatta
casa mia e che per me ventilare casa per asciugare i panni vuol
dire stendere in cucina o in camera e lasciare aperte le finestre
di notte...

Oh, magari è un problema mio e sono una mosca bianca, ma tant'è...
Post by Roberto Deboni DMIsr
- Luci varie tutte basso consumo (*)
In conclusione, la situazione che lei riporta e' la situazione
minoritaria di una fascia benestante. Ebbene, non capisco perche'
non ha gia' incrementato la potenza contrattuale a 6 kW.
Dopotutto, sembra che se lo possa permettere.
La ringrazio della stima, ma è proprio sicuro delle sue conclusioni?
Post by Roberto Deboni DMIsr
La risposta sta nella tariffazione ?
Indubbiamente si.
Per essere benestanti si deve stare attenti a queste piccole
cose, eh! ;)
--
Gerolamo
Roberto Deboni DMIsr
2015-02-20 19:55:01 UTC
Permalink
Post by Gerolamo
Intanto grazie per le considerazioni interessanti,
...snip...
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Il problema è che io sono a casa alla sera e alla notte, per cui
finisce che tipicamente devo organizzarmi le attività facendo in
sequenza: - Preparare la cena con forno o microonde - Far partire la
lavatrice - Programmare la lavastoviglie per partire quando la
lavatrice ha finito - a fine lavatrice stendere
Esigenze sue, e quindi ?
E quindi stavo semplicemente portando il mio esempio.
Non credo di essere una mosca bianca, avendo vari amici nella stessa
situazione, ma non ho numeri a comprovare.
Forse siete un milioncino. E quindi ?
Post by Gerolamo
Lei mi sa dire quanti sono in italia di maschi lavoratori che vivono da
soli in una casa sui 60 mq?
Aggiungerei anche le giovani coppie in case di simile dimensione in cui
entrambi sono lavoratori, che non mi pare una situazione troppo diversa
dal punto di vista dell'utilizzo.
Siamo così mosche bianche?
Mosche bianche ? Certamente no, altrimenti non fareste statistica
verso i vari inserzionisti che vivono sui vostri acquisti.
MA SIETE UNA MINORANZA.
In ogni caso, ancora una volta, e quindi ?
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
A quel punto, però, il deumidificatore dove ho steso io panni non lo
accendo perchè mi andrebbe in sovrapposizione con la lavastoviglie e
il televisore, per cui aspetto l'ora in cui vado a letto e lo accendo
quando ho spento televisore e computer.
Insomma, per una persona che è a casa solo a sera e notte e magari
vuole sfruttare le tariffe biorarie, non è poi così comodo
organizzarsi per stare dentro i 3KW.
Con le "sue" esigenze elettriche, non si vede perche' dovrebbe farlo.
Pare quasi un "soffrire" cercato.
Non capisco.
Potendo aumentare la potenza a 6kW, l'insistenza a restare con 3kW
pare un "soffrire" cercato.
Post by Gerolamo
Proprio perchè sono a casa solo alla sera e alla notte dovrei poter
sfruttare al meglio la bioraria. Mi sbaglio?
No, se ritiene di volere risparmiare cosi'. Ma non capisco, con il
suo livello di spesa e le sue esigenze, il senso di stare a risparmiare
5 Euro a dire tanto. Se vuole risparmiare, rinuncia ad usare la
lavastoviglie e risparmia dieci volte i 5 Euro.
Post by Gerolamo
In ogni caso qui i miei consumi annuali, dall'ultima bolletta (kWh): F1
F2 F3 TOT
411 478 837 1.726
Se ha suggerimenti migliori, sono ben accetti.
Lasci perdere i patemi della bioraria, aumenti la potenza a 6kW e viva
sereno e felice.
Diverso e' il caso di chi spende per mangiare cosi' poco che il risparmio
citato gli basta per mangiare pranzo e cena.
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Se invece si possono sfruttare le 24h, beh, allora è molto più facile...
I suoi "problemi" mi danno l'occasione per evidenziare una stranezza di
questo paese.
Perchè le mie considerazioni sui miei consumi energetici sono diventate
"problemi" tra virgolette?
No problemi di per se, ma e' l'atteggiamento al contorno il "problema" :-)
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
- riscaldamento e acqua sanitaria a gas
idem, ma ormai e' messo in naftalina (un paio di lampade alogene di
potenza, accesa solo quella che serve, sostituiscono)
Io l'ho trovato "incluso" all'acquisto della casa e non l'ho cambiato.
Ma l'ha tenuto, significa che le va bene.
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
- 1 Freezer (*)
mi basta il congelatore incluso nel frigorifero
Cucina piccola e cantina facilmente raggiungibile mi hanno fatto
propendere per un frigorifero piccolo e un congelatore in cantina.
Ma ci pensi: ha proprio necessita' di avere nel congelatore tutto
quello che in questo momento ha nel congelatore ?

Risposta possibile: vado a fare la spesa una volta alla settimana ?
(io ci vado ogni paio di giorni, a piedi e spendo pochi euro per
volta di prodotti freschi)

...snip...
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
- 1 Lavastoviglie (**)
No. Ritengo che solo chi lavora puo' essere giustificato ad usare la
lavastoviglie (oppure e' un benestante)
E' sempre una questione di tempo.
Nella mia situazione è stato un cambio notevole di comfort e di ordine
della cucina.
Poi... intendiamoci... ne ho fatto a meno per anni e avrei potuto
continuare.
Stavo meditando sul fatto che evitare il funzionamento contemporaneo
di lavastrice e lavastoviglie non dovrebbe essere molto difficile.
Dopotutto la lavastoviglie consuma molto meno (quelli moderni usano
poca acqua e questo significa meno energia di una lavatrice) e quindi
l'utilizzo subito dopo mangiato non e' che incide tanto sulla bioraria.
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
- 1 Forno (**)
Forno elettrico ? A causa del sistema tariffario elettrico in Italia e'
un "no go". Anche se e' piu' sicuro di quello a gas, l'utilizzo costa
il triplo.
Probabilmente ha ragione lei.
Ma la parte "anche se è più sicuro di quello a gas" è stata
discriminante...
Allora evitiamo pasticci ed arrosti, pane e dolci (tempi lunghi di cottura)
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
- 1 Microonde (**)
Preferisco la cucina tradizionale, ma piu' grave e' l'aspetto che le
confezioni, le preparazioni per microonde costano almeno tre volte di
piu' a parita' di portata risultante. Insomma, e' un approccio in
cucina per chi ha un buon reddito (oggi potremo limitarci a "ha un
reddito").
Non so col conteggio del costo se sia davvero il triplo.
Sono sicuro. Ovviamente la differenza e' nel partire dai prodotti
base verso le pietanze pronte. Ma se non ha il tempo per cucinare ...
Post by Gerolamo
Io comunque utilizzo il microonde principalmente per: - scongelare ciò
che proviene dal congelatore, se non ci avevo pensato prima
- riscaldare cibi già cucinati precedentemente, cosa non rara.
Si puo' anche scongelare "con calma" programmandosi a tempo opportuno
cio' che si ha intenzione di portare a tavola.
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
- 1 Deumidificatore (**)
Negativo, spreco di energia che puo' essere eliminato con un uso
corretto della ventilazione in casa. In quanto al "disturbo", e' come
sempre una questione di privilegi.
Eh, Deboni... forse a casa sua! Ma lei non lo sa come è fatta casa mia e
che per me ventilare casa per asciugare i panni vuol dire stendere in
cucina o in camera e lasciare aperte le finestre di notte...
Un sistema "scali-scendi" in bagno non l'ha messo ?
Post by Gerolamo
Oh, magari è un problema mio e sono una mosca bianca, ma tant'è...
O forse la "nonna" non le ha mai insegnato come si fa ...
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
- Luci varie tutte basso consumo (*)
In conclusione, la situazione che lei riporta e' la situazione
minoritaria di una fascia benestante. Ebbene, non capisco perche' non
ha gia' incrementato la potenza contrattuale a 6 kW. Dopotutto, sembra
che se lo possa permettere.
La ringrazio della stima, ma è proprio sicuro delle sue conclusioni?
Che volendo operare forno elettrico e lavatrice insieme occorre almeno
un 4,5 kW ? Direi di si.
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
La risposta sta nella tariffazione ?
Indubbiamente si.
Pero' dall'altra parte spende 50 Euro di energia elettrica per dei
sfizi. Insomma, sta scegliendo una sofferenza per l'altra.
Post by Gerolamo
Per essere benestanti si deve stare attenti a queste piccole cose, eh!
;)
Giusto!
Gerolamo
2015-02-23 09:00:33 UTC
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Il problema è che io sono a casa alla sera e alla notte, per cui
finisce che tipicamente devo organizzarmi le attività facendo in
sequenza: - Preparare la cena con forno o microonde - Far partire la
lavatrice - Programmare la lavastoviglie per partire quando la
lavatrice ha finito - a fine lavatrice stendere
Esigenze sue, e quindi ?
E quindi stavo semplicemente portando il mio esempio.
Non credo di essere una mosca bianca, avendo vari amici nella stessa
situazione, ma non ho numeri a comprovare.
Forse siete un milioncino. E quindi ?
E quindi stavo semplicemente portando il mio esempio.

Cos'è che non capisce?
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Lei mi sa dire quanti sono in italia di maschi lavoratori che vivono da
soli in una casa sui 60 mq?
Aggiungerei anche le giovani coppie in case di simile dimensione in cui
entrambi sono lavoratori, che non mi pare una situazione troppo diversa
dal punto di vista dell'utilizzo.
Siamo così mosche bianche?
Mosche bianche ? Certamente no, altrimenti non fareste statistica
verso i vari inserzionisti che vivono sui vostri acquisti.
MA SIETE UNA MINORANZA.
In ogni caso, ancora una volta, e quindi ?
E quindi stavo semplicemente portando il mio esempio che penso possa
riguardare altre persone.
Cos'è che insiste a non capire?
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
A quel punto, però, il deumidificatore dove ho steso io panni non lo
accendo perchè mi andrebbe in sovrapposizione con la lavastoviglie e
il televisore, per cui aspetto l'ora in cui vado a letto e lo accendo
quando ho spento televisore e computer.
Insomma, per una persona che è a casa solo a sera e notte e magari
vuole sfruttare le tariffe biorarie, non è poi così comodo
organizzarsi per stare dentro i 3KW.
Con le "sue" esigenze elettriche, non si vede perche' dovrebbe farlo.
Pare quasi un "soffrire" cercato.
Non capisco.
Potendo aumentare la potenza a 6kW, l'insistenza a restare con 3kW
pare un "soffrire" cercato.
Mi scusi, ma mi pare una assurdità.

E' ovvio che potrei farlo, ma è una questione di costi e benefici.

Tutti i costi sono un "soffrire" cercato. Lavare i panni a mano
sarebbe un soffrire cercato col vantaggio del risparmio.
Lavare i panni in lavatrice sarebbe un soffrire cercato energetico
col vantaggio del tempo.

E quindi?
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Proprio perchè sono a casa solo alla sera e alla notte dovrei poter
sfruttare al meglio la bioraria. Mi sbaglio?
No, se ritiene di volere risparmiare cosi'. Ma non capisco, con il
suo livello di spesa e le sue esigenze, il senso di stare a risparmiare
5 Euro a dire tanto. Se vuole risparmiare, rinuncia ad usare la
lavastoviglie e risparmia dieci volte i 5 Euro.
Allora, io vado su:
http://www.facile.it/energia-elettrica-luce/risultati.html

Metto 1725kWh di cui il 28% in fascia F1, con potenza installata 3kW

Tariffa bioraria più conveniente Enel e-light 246€
Tariffa monoraria più conveniente Eni link 251€

Questo mi fa propendere per abbandonare la bioraria
Post by Roberto Deboni DMIsr
Lasci perdere i patemi della bioraria, aumenti la potenza a 6kW e viva
sereno e felice.
Tariffa più conveniente HERAcomm Prezzo Netto Natura Web: 491€

Beh, fanno 240€ di differenza (posto che devo scoprire chi cavolo
è HERAcomm e fidarmi..), altro che 5 euro!
Post by Roberto Deboni DMIsr
O forse la "nonna" non le ha mai insegnato come si fa ...
In effetti mia nonna non me l'ha insegnato perchè ha preferito
insegnarmi a non essere supponente.

C'è a chi è capitato il contrario, ma a me sta bene così.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
In conclusione, la situazione che lei riporta e' la situazione
minoritaria di una fascia benestante. Ebbene, non capisco perche' non
ha gia' incrementato la potenza contrattuale a 6 kW. Dopotutto, sembra
che se lo possa permettere.
La ringrazio della stima, ma è proprio sicuro delle sue conclusioni?
Che volendo operare forno elettrico e lavatrice insieme occorre almeno
un 4,5 kW ? Direi di si.
Mi riferivo al fatto di avermi catalogato nella "fascia benestante"
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
La risposta sta nella tariffazione ?
Indubbiamente si.
Pero' dall'altra parte spende 50 Euro di energia elettrica per dei
sfizi. Insomma, sta scegliendo una sofferenza per l'altra.
Se spendo 50€ per degli sfizi non vuol dire che ne posso spenderne
altri 240, non le pare?
--
Gerolamo
Roberto Deboni DMIsr
2015-02-23 13:32:23 UTC
Permalink
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Il problema è che io sono a casa alla sera e alla notte, per cui
finisce che tipicamente devo organizzarmi le attività facendo in
sequenza: - Preparare la cena con forno o microonde - Far partire la
lavatrice - Programmare la lavastoviglie per partire quando la
lavatrice ha finito - a fine lavatrice stendere
Esigenze sue, e quindi ?
E quindi stavo semplicemente portando il mio esempio.
Non credo di essere una mosca bianca, avendo vari amici nella stessa
situazione, ma non ho numeri a comprovare.
Forse siete un milioncino. E quindi ?
E quindi stavo semplicemente portando il mio esempio.
Ma non ha risposto il perche' del suo commento di non essere una
mosca bianca. Certe volte non capisco le persone, io saro' prolisso,
ma altri sono criptici al massimo livello. Non esiste la telepatia,
e per "capire tra le righe" occorre anche avere una comunanza culturale,
altrimenti non ci si capisse per sottintesi. Il guaio del non capirsi
e che poi, se scatta diffidenza o prevenzione, poi nascono equivoci
sgradevoli.
Post by Gerolamo
Cos'è che non capisce?
Il suo commento sulla mosca bianca, ovvero la pertinenza di tale
commento alla mia domanda precedente (a cui, tra l'altro ha risposto
solo ora, ma ora manca la risposta a quella successiva).
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Lei mi sa dire quanti sono in italia di maschi lavoratori che vivono
da soli in una casa sui 60 mq?
Aggiungerei anche le giovani coppie in case di simile dimensione in
cui entrambi sono lavoratori, che non mi pare una situazione troppo
diversa dal punto di vista dell'utilizzo.
Siamo così mosche bianche?
Mosche bianche ? Certamente no, altrimenti non fareste statistica verso
i vari inserzionisti che vivono sui vostri acquisti. MA SIETE UNA
MINORANZA.
In ogni caso, ancora una volta, e quindi ?
E quindi stavo semplicemente portando il mio esempio che penso possa
riguardare altre persone.
Cos'è che insiste a non capire?
E' sempre lo stesso messaggio, e cio' che non capisco e' riportato sopra,
ovvero non capisco che cosa c'entri l'essere o meno una mosca bianca.
Evidentemente vuole trasmettermi qualcosa, ma lo deve fare in chiaro,
non capisco i sottintesi.
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
A quel punto, però, il deumidificatore dove ho steso io panni non lo
accendo perchè mi andrebbe in sovrapposizione con la lavastoviglie e
il televisore, per cui aspetto l'ora in cui vado a letto e lo
accendo quando ho spento televisore e computer.
Insomma, per una persona che è a casa solo a sera e notte e magari
vuole sfruttare le tariffe biorarie, non è poi così comodo
organizzarsi per stare dentro i 3KW.
Con le "sue" esigenze elettriche, non si vede perche' dovrebbe farlo.
Pare quasi un "soffrire" cercato.
Non capisco.
Potendo aumentare la potenza a 6kW, l'insistenza a restare con 3kW pare
un "soffrire" cercato.
Mi scusi, ma mi pare una assurdità.
E' ovvio che potrei farlo, ma è una questione di costi e benefici.
In base ai dati finora considerati, la mia valutazione e' che ci sono
problemi nella sue gestione dei costi e benefici ... ma de gustibus ...
Post by Gerolamo
Tutti i costi sono un "soffrire" cercato. Lavare i panni a mano sarebbe
un soffrire cercato col vantaggio del risparmio. Lavare i panni in
lavatrice sarebbe un soffrire cercato energetico col vantaggio del
tempo.
E quindi?
E quindi non sono ancora sicuro se lei (od io abbia compreso i suoi dati)
ha ben chiaro le sue opzioni. Ho la sensazione che lei ora la sta
mettendo su un tono polemico, quando in realta' sto cercando di
portarla a considerare meglio dei fattori che, non sono sicuro, e' solo
una sensazione, forse ha valutato in modo errato.
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Proprio perchè sono a casa solo alla sera e alla notte dovrei poter
sfruttare al meglio la bioraria. Mi sbaglio?
No, se ritiene di volere risparmiare cosi'. Ma non capisco, con il suo
livello di spesa e le sue esigenze, il senso di stare a risparmiare 5
Euro a dire tanto. Se vuole risparmiare, rinuncia ad usare la
lavastoviglie e risparmia dieci volte i 5 Euro.
http://www.facile.it/energia-elettrica-luce/risultati.html
Metto 1725kWh di cui il 28% in fascia F1, con potenza installata 3kW
Tariffa bioraria più conveniente Enel e-light 246€ Tariffa monoraria più
conveniente Eni link 251€
Questo mi fa propendere per abbandonare la bioraria
E fin qui siamo d'accordo, perche' farsi patemi *quotidiani* per 5 Euro su
250 ? E' come "stressarsi" o "condizionarsi" (dipende dallo stato d'animo
con cui si punta a questa attivita') per risparmiare 1,37 centesimi al
giorno. Io sono parsimonioso, ma neanche io arrivo fino a tali
estremi :-)
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Lasci perdere i patemi della bioraria, aumenti la potenza a 6kW e viva
sereno e felice.
Tariffa più conveniente HERAcomm Prezzo Netto Natura Web: 491€
Beh, fanno 240€ di differenza (posto che devo scoprire chi cavolo è
HERAcomm e fidarmi..), altro che 5 euro!
Mi faccia capire. Ha preso le migliori offerte della tipologia contrattuale
residente da 3 kW e l'ha paragonata con ... ?

Vede, se lei non individua correttamente il problema, non trova la
soluzione. Lei non ha fatto un paragone tra contratto da 3 kW e
contratto da 6 kW, lei ha fatto un paragone tra contratto residente e
non residente.

Con il suo livello di consumi, il migliore contratto non residente da
3 kW e' circa €490. Quella da 6 kW e' circa €540. Come vede, quando
ho citato la cifra di €50 non avevo sparato a casaccio.

Quindi in realta' il suo vero problema e' come fare a mantenere i vantaggi
della tariffa residente, problema accentuato dai suoi consumi irrisori
(che di per se non sarebbero compatibili con una potenza di 6 kW, come
piu' avanti spieghero').

PS: ci sarebbe anche da osservare che forse, a conti fatti le basta un
aumento a 4,5 kW*h, ma sostanzialmente la questione non cambia, perche'
il vero problema e' la penalizzazione del mancato riconoscimento della
residenza.

Una soluzione (piuttosto drastica a seconda dei punti di vista)
sarebbe quella di convertire il riscaldamento da gas a pompa di calore
ed usufruire della nuova tariffa D1 per pompe di calore. Ovviamente
dipende anche dalla sua zona climatica (al Sud direi che sarebbe da fare
ad occhi chiusi).

Quindi quello che occorre fare e':

- installare una pompa di calore che, se di tipo aria-aria (il piu' comune)
richiede di avere almeno un COP minimo di 3,9 (come misurato seconda la
norma UNI EN 14511:2004, in funzionamento a pieno regime)

- chiedere l'adesione alla tariffa D1 per pompe di calore, che le costa
€97,50/anno (finito ed IVATO come da bolletta)

Il costo del kW*h finito ed IVATO e' di 18,7 eurocent/kW*h verso un
costo di 14 eurocent/kW*h dello scaglione minimo.

Dove la pompa di calore costituisce l'unico sistema di riscaldamento
dell'abitazione di residenza, la tariffa D1 viene applicata alla totalità
dei consumi elettrici dell'abitazione e non c'è bisogno di installare
alcun contatore dedicato. Quindi a tutti gli effetti lei avra' una
potenza di 6 kW al costo aggiuntivo di €97,50/anno, avra' i consumi
del gas sostituiti da consumi elettrici (in rapporto al COP citato)
ma alla tariffa massima di 18,7 eurocent/kW*h, equivalente ad un valore
del kW*h termico da gas di 4,8 eurocent/kW*h che si traduce in circa
0,48 €/mc ivato e finito. Aderendo poi alla tariffe combinate elettriche
gas a zero quota fissa per il gas, risparmia circa €100/anno di quote
fisse gas e quindi recupera l'aumento di potenza.
Sulla installazione della pompa di calore ha un recupero fiscale del
65%:

http://www.climaveneta.com/IT/Prana/Incentivi-fiscali/

Cioe' se l'impianto costa €5000 lei spende €1750 (meno di quanto le
costa cambiare la caldaia ... quanti anni ha ?). Se non ha la cifra,
per operazioni di questo genere, le banche piu' serie le offrono
mutui decenti, per cui si trova semplicemente ogni anno a stornare
una parte di quello che pagava per la manutenzione della caldaia ed
il riscaldamento alle rate del mutuo.

Come vede, capito il problema si trova una soluzione possibile.
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
O forse la "nonna" non le ha mai insegnato come si fa ...
In effetti mia nonna non me l'ha insegnato perchè ha preferito
insegnarmi a non essere supponente.
Ancora un esempio di incomprensione. Dalla sua reazione capisco ora
che lei ha preso il commento come un certo tipo di battuta cretina,
quando in realta' intendevo letteralmente cio' che ho scritto: non
le e' stata trasmessa la conoscenza pratica di come una volta si
gestiva sapientemente questi problemi. Si e' mai domandato come mai
in pieno inverno si stendeva la biancheria fuori, anche se cio'
significava ritirarla a "mo di baccala" (e con attenzione, altrimenti
puo' "rompere" il tessuto) ? Semplicemente, perche' non e' il freddo
che ostacola l'asciugatura, ma l'umidita', ed una volta che la
biancheria si fosse riscaldata, il poco di umidita' del congelamento
evapora in pochi minuti, ed e' asciutta, pronta per essere stirata.

...snip...
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
In conclusione, la situazione che lei riporta e' la situazione
minoritaria di una fascia benestante. Ebbene, non capisco perche' non
ha gia' incrementato la potenza contrattuale a 6 kW. Dopotutto,
sembra che se lo possa permettere.
La ringrazio della stima, ma è proprio sicuro delle sue conclusioni?
Che volendo operare forno elettrico e lavatrice insieme occorre almeno
un 4,5 kW ? Direi di si.
Mi riferivo al fatto di avermi catalogato nella "fascia benestante"
Vede, lei citando un consumo di solo 1752 kW*h, puo' apparire illogico,
me l'ha appena confermato.

Un consumo annuo di 1752 kW*h significa una media di 4,8 kW*h/giorno.
Circa 1 kW*h se ne va via equamente tra frigorifero e congelatore (che
lei sia a casa o no). Un altro 0,5 kW*h se ne va via per il computer
(che se non usa ogni giorno, quasi ci siamo, se devo valutare dalla
sua presenza). Poi ci sarebbe il riscaldamento (prima di tutto la
pompa di ricircolazione), che fanno altri 0,6 kW*h, ma per solo un
quarto dell'anno, quindi la media sarebbe 0,15 kW*h/giorno ed aggiunto
al televisore, non ho idea, ma se presumo almeno mezz'ora al giorno (come
media, tra i giorni di assenza e quando c'e') credo di essere conservativo,
e quindi mettendolo insieme ai consumi di illuminazione, direi che possiamo
arrivare ad altri 0,5 kW*h (riscaldamento+PC+luci). Ci sarebbero la
ricarica del cellulare ed altri accessori (il campanello di casa e' spesso
dimenticato) e standby, che se stimo tutti insieme per 40W di media non
credo di sbagliare di tanto, e fanno gli ultimi 1 kW*h/giorno.
Totale "fissi", 1 + 0,5 + 0,5 + 1 = 3 kW*h. Questo significa che le restano
1,8 kW*h/giorno di media per tutti gli apparecchi di potenza (lavatrice,
lavastoviglie, forno, microonde, phon, ferro da stiro - stira ?,
deumidificatore, aspirapolvere, etc.). Considerando che un semplice ciclo
di lavatrice si mangia 1,2 kW*h per ciclo per dare una idae, l'ovvia
deduzione e' che lei di questi apparecchi fa un uso sporadico (e
sicuramente non sua la lavastoviglie tutti i giorni, altrimenti rimane
giusto un ciclo di lavatrice alla settimana).

Ora, come lo definirebbe una persona che acquista una lavastoviglie per
usarla una volta alla settimana ? Una cosa e' la lavatrice, fare un
carico della lavatrice a mano, non solo richiede un paio di ore di
tempo, ma e' anche fisicamente faticoso. Ma eseguire a mano cio' che
si lava in un ciclo con lastoviglie impegna al massimo una mezz'ora
se togliamo il tempo che in ogni caso e' richiesto per la carica
della lavastoviglie (o butta dentro i piatti ed i tegami direttamente
con incluso un corposo strato di grasso i pasticcio residuo, etc. ?).
Quindi, confermo, chi puo' permettersi di acquistare una lavastoviglie
per sfizio, e' un benestante.
Oppure che non ha eseguito alcuna ricerca per trovare alternative
al deumidificatore (senza considerare che qualsiasi ambientalista serio
lo ritiene un "peccato mortale", essendo la quintessenza dello spreco,
come per l'asciugatrice, e cio' che e' spreco ambientale e' anche spreco
economico, ovvero da "benestanti").
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
La risposta sta nella tariffazione ?
Indubbiamente si.
Pero' dall'altra parte spende 50 Euro di energia elettrica per dei
sfizi. Insomma, sta scegliendo una sofferenza per l'altra.
Se spendo 50€ per degli sfizi non vuol dire che ne posso spenderne altri
240, non le pare?
Ma puo' scegliere di risparmiare e guadagnare in salute (evitando una
fonte di combustione vicino a dove vive).
Gerolamo
2015-02-23 14:33:18 UTC
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
Lasci perdere i patemi della bioraria, aumenti la potenza a 6kW e viva
sereno e felice.
Tariffa più conveniente HERAcomm Prezzo Netto Natura Web: 491€
Beh, fanno 240€ di differenza (posto che devo scoprire chi cavolo è
HERAcomm e fidarmi..), altro che 5 euro!
Mi faccia capire. Ha preso le migliori offerte della tipologia contrattuale
residente da 3 kW e l'ha paragonata con ... ?
...con la migliore offerta a 6kW.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Vede, se lei non individua correttamente il problema, non trova la
soluzione. Lei non ha fatto un paragone tra contratto da 3 kW e
contratto da 6 kW, lei ha fatto un paragone tra contratto residente e
non residente.
Beh, no. Il fatto che il contratto da 6kW non abbia la tipologia
"residente" non cambia il fatto che la differenza di prezzo
_per me_ sarebbero comunque 240 euro, visto che io sono residente.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Con il suo livello di consumi, il migliore contratto non residente da
3 kW e' circa €490. Quella da 6 kW e' circa €540. Come vede, quando
ho citato la cifra di €50 non avevo sparato a casaccio.
Quindi in realta' il suo vero problema e' come fare a mantenere i vantaggi
della tariffa residente, problema accentuato dai suoi consumi irrisori
(che di per se non sarebbero compatibili con una potenza di 6 kW, come
piu' avanti spieghero').
Al resto del messaggio, come a quanto tagliato sopra, rispondo dopo,
che ora non riesco.

Intanto grazie per il suo punto di vista. Ci ragiono e rispondo poi.
--
Gerolamo
Gab
2015-02-25 17:46:53 UTC
Permalink
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
In conclusione, la situazione che lei riporta e' la situazione
minoritaria di una fascia benestante. Ebbene, non capisco perche' non
ha gia' incrementato la potenza contrattuale a 6 kW. Dopotutto, sembra
che se lo possa permettere.
La ringrazio della stima, ma è proprio sicuro delle sue conclusioni?
Non so dove lei abiti ma, visto quello che scrive, deve essere una zona
depressa. Qui dalle mie parti, (provincia BO), conosco decine di
famiglie, amici, colleghi, vicini, parenti, appartenenti alle categorie
sociali le più diverse, operai, impiegati, contadini, commercianti. Ho
fatto una piccola indagine.... TUTTI hanno la lavastoviglie da anni e
anni, quasi tutti hanno il congelatore oltre al frigorifero che già
include un freezer, e chi non l'ha dice che è colpa della mancanza di
spazio. Quindi, questa sua affermazione di "situazione minoritaria di
una fascia benestante" mi sembra proprio fuori luogo. Direi che, almeno
dalle mie parti, è una situazione normalissima. Aggiungo per sua
conoscenza, ho chiesto anche ad una donna delle pulizie che
saltuariamente viene anche da noi, famiglia non certo benestante, marito
camionista, lei slavoricchia in qua e in la. Bene, anche lei ha la
lavastoviglie e un grande congelatore oltre a tutto quello che ho io ed
ha un contratto di 4.5 KW. Scusi eh.. ma lei, Deboni dove vive?
Cordiali saluti.


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
http://www.avast.com
Roberto Deboni DMIsr
2015-02-25 23:01:56 UTC
Permalink
Post by Gab
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
In conclusione, la situazione che lei riporta e' la situazione
minoritaria di una fascia benestante. Ebbene, non capisco perche' non
ha gia' incrementato la potenza contrattuale a 6 kW. Dopotutto,
sembra che se lo possa permettere.
La ringrazio della stima, ma è proprio sicuro delle sue conclusioni?
Non so dove lei abiti ma, visto quello che scrive, deve essere una zona
depressa. Qui dalle mie parti, (provincia BO), conosco decine di
famiglie, amici, colleghi, vicini, parenti, appartenenti alle categorie
sociali le più diverse, operai, impiegati, contadini, commercianti. Ho
fatto una piccola indagine.... TUTTI hanno la lavastoviglie da anni e
anni, quasi tutti hanno il congelatore oltre al frigorifero che già
include un freezer, e chi non l'ha dice che è colpa della mancanza di
spazio.
Piccola bugia, c'e' sempre una soluzione estetica, gli americani
insegnano.
Post by Gab
Quindi, questa sua affermazione di "situazione minoritaria di
una fascia benestante" mi sembra proprio fuori luogo.
Secondo l'ISTAT qualcosa piu' di un terzo delle famiglie (non degli
"italiani", bensi' dei meno numerosi "nuclei famigliari") possiede
una lavastoviglie, ma solo la meta' la utilizza. Dell'altra meta'
una piccola parte non l'ha usa perche' semplicemente non ha tempo,
sostanzialmente e' cosi' benestante che non puo' neanche concepire
una cucina senza tutti gli "optional". L'abbondante parte restante
invece non usa la lavastoviglie perche' ritiene di non potersi
permettere il costo dell'energia elettrica: per loro l'acquisto e'
stato sostanzialmente un "status-symbol" (come lo e' anche il ben
maggiore costo di acquistare una auto con caratteristiche ben
superiori di quelli di cui si ha necessita, fino al caso di chi
compera un auto solo per non "scomparire" socialmente - qui entra
anche in gioco la sottile, ma non meno potente, pressione sociale
di quel brutto conformismo che tende ad isolare chi appare "diverso",
ad esempio, di un gruppo, quello che e' l'unico senza auto ... alla
lunga appare quasi come uno scroccone ... vero ?).
Post by Gab
Direi che, almeno
dalle mie parti, è una situazione normalissima.
Mai fidarsi delle statistiche fatte in questo modo.
Post by Gab
Aggiungo per sua
conoscenza, ho chiesto anche ad una donna delle pulizie che
saltuariamente viene anche da noi,
E questo suppongo la qualifica come una famiglia "normale" ?
Forse perche' alla televisione ci sono quelle versioni italiane di
"happy days" ove la famiglia ha sempre la "domestica" ?
Post by Gab
famiglia non certo benestante,
e pure un filo sciovinista di casta, ove si legge tra le righe che una
donna delle pulizie sicuramente si qualifica come appartenente ad una
categoria non benestante ...
Post by Gab
marito
camionista, lei slavoricchia in qua e in la.
E finiscono quasi sempre a farsi la casetta fuori citta', ma non perche'
costa meno, ma perche' e' l'unico modo per avere e godersi un bel giardino
con l'angolo per l'orto.
Post by Gab
Bene, anche lei ha la
lavastoviglie e un grande congelatore oltre a tutto quello che ho io ed
ha un contratto di 4.5 KW.
A parte l'errore di implicare che potrebbero essere poveri (con due
entrate, o se preferisce, con una entrata e mezzo, di cui una praticamente
in nero ...) potrei darle due risposte:
a) se e' vera la sua tesi che non siano benestanti (con due entrate ...)
si tratta semplicemente di emulazione per non sentirsi "serva", ovvero
l'acquisto della lavastoviglie ma poi non la si usa (caso citato dello
status symbol e non occorre una laurea in psicologia per capire il
meccanismo
b) se e' vera la mia ipotesi, semplicemente la signora se lo puo'
permettere e lavorando, quando torna a casa non ha nessuna voglia di
lavorare ulteriormente piu' del necessario - e notare che in questo
caso do' ragione alla signora "che fa le pulizie saltuariamente da lei"
Post by Gab
Scusi eh.. ma lei, Deboni dove vive? Cordiali saluti.
Lo sa quante volte che ho affrontato la stupida discussione del perche'
non ho questo o quello (potendolo avere) o perche' non ho quella o
questa abitudine sociale (che guarda caso richiede un pagare che esclude
ceti meno abbienti) ?
La mia replica semplice e': "Perche' non ne sento la necessita'."
Ebbene, e qui la cosa diventava prima noiosa, poi antipatica, arriva
la domanda, ma perche' non ne senti la necessita', ma ti sembra normale ?
(questa e' la fase antipatica) e cosi' via. Alla fine si arrabbiavano,
quando girando la frittata, replicavo: "ma dietro a questa tua insistenza
sembra quasi ti roda il dubbio di avere fatto l'acquisto o una certa
partecipazione sociale per pressioni esterne." E se non bastava,
rincaravo: "e forse c'e' anche qualche irrazionale senso di colpa ?
e quindi in questo caso "chi non ci sta" da fastidio, perche' prova che
si puo' "resistere" con un minimo di coerenza e dirittura morale ?"

Lei mi da l'impressione di essere un tipo del genere.

Io conosco il suo ambiente, come lo ha descritto, ne ho anche fatto parte.
Ma in venti anni di attivita' di amministratore condominiale di un
condominio in edilizia economica, ho visto uno spaccato di societa' con
cui altrimenti non avrei mai avuto a che fare. Ed anche senza ricorrere
ai dati ISTAT, mi sono fatto una statistica diversa, nonostante la zona
sia di una ricca citta' del Nord.

Se ha fatto caso, Gerolamo (molto intelligentemente) ha evitato di
insistere, perche' la mia semplice contabilita' energetica, senza
ricorrere a statistiche piu' o meno garibaldine o ipotesi di vita altrui,
e' da sola dimostrazione di una incompatibilita' tra il livello indicato
dei consumi (sub-mediano per questo paese) ed un uso quotidiano
della lavastoviglie (a meno di non usare mai la lavatrice, ma in
questo si dedurebbe in modo imbarazzante che "il bucato lo fa la
mamma", o altra donna di casa che tradizionalmente svolge tale compiti
in famiglia allargata).

Lei, ad esempio, quanto consuma di kW*h in un anno ?
Se consuma come Gerolamo, allora usa sporadicamente la lavastoviglie.
Se consuma come l'OP, allora e' ben fuori dalla media statistica delle
famiglie italiane.

Delle due l'una ...
Gab
2015-03-04 18:01:14 UTC
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gab
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
In conclusione, la situazione che lei riporta e' la situazione
minoritaria di una fascia benestante. Ebbene, non capisco perche' non
ha gia' incrementato la potenza contrattuale a 6 kW. Dopotutto,
sembra che se lo possa permettere.
La ringrazio della stima, ma è proprio sicuro delle sue conclusioni?
Non so dove lei abiti ma, visto quello che scrive, deve essere una zona
depressa. Qui dalle mie parti, (provincia BO), conosco decine di
famiglie, amici, colleghi, vicini, parenti, appartenenti alle categorie
sociali le più diverse, operai, impiegati, contadini, commercianti. Ho
fatto una piccola indagine.... TUTTI hanno la lavastoviglie da anni e
anni, quasi tutti hanno il congelatore oltre al frigorifero che già
include un freezer, e chi non l'ha dice che è colpa della mancanza di
spazio.
Piccola bugia, c'e' sempre una soluzione estetica, gli americani
insegnano.
Post by Gab
Quindi, questa sua affermazione di "situazione minoritaria di
una fascia benestante" mi sembra proprio fuori luogo.
Secondo l'ISTAT qualcosa piu' di un terzo delle famiglie (non degli
"italiani", bensi' dei meno numerosi "nuclei famigliari") possiede
una lavastoviglie, ma solo la meta' la utilizza. Dell'altra meta'
una piccola parte non l'ha usa perche' semplicemente non ha tempo,
sostanzialmente e' cosi' benestante che non puo' neanche concepire
una cucina senza tutti gli "optional". L'abbondante parte restante
invece non usa la lavastoviglie perche' ritiene di non potersi
permettere il costo dell'energia elettrica: per loro l'acquisto e'
stato sostanzialmente un "status-symbol" (come lo e' anche il ben
maggiore costo di acquistare una auto con caratteristiche ben
superiori di quelli di cui si ha necessita, fino al caso di chi
compera un auto solo per non "scomparire" socialmente - qui entra
anche in gioco la sottile, ma non meno potente, pressione sociale
di quel brutto conformismo che tende ad isolare chi appare "diverso",
ad esempio, di un gruppo, quello che e' l'unico senza auto ... alla
lunga appare quasi come uno scroccone ... vero ?).
Post by Gab
Direi che, almeno
dalle mie parti, è una situazione normalissima.
Mai fidarsi delle statistiche fatte in questo modo.
Post by Gab
Aggiungo per sua
conoscenza, ho chiesto anche ad una donna delle pulizie che
saltuariamente viene anche da noi,
E questo suppongo la qualifica come una famiglia "normale" ?
Forse perche' alla televisione ci sono quelle versioni italiane di
"happy days" ove la famiglia ha sempre la "domestica" ?
Post by Gab
famiglia non certo benestante,
e pure un filo sciovinista di casta, ove si legge tra le righe che una
donna delle pulizie sicuramente si qualifica come appartenente ad una
categoria non benestante ...
Post by Gab
marito
camionista, lei slavoricchia in qua e in la.
E finiscono quasi sempre a farsi la casetta fuori citta', ma non perche'
costa meno, ma perche' e' l'unico modo per avere e godersi un bel giardino
con l'angolo per l'orto.
Post by Gab
Bene, anche lei ha la
lavastoviglie e un grande congelatore oltre a tutto quello che ho io ed
ha un contratto di 4.5 KW.
A parte l'errore di implicare che potrebbero essere poveri (con due
entrate, o se preferisce, con una entrata e mezzo, di cui una praticamente
a) se e' vera la sua tesi che non siano benestanti (con due entrate ...)
si tratta semplicemente di emulazione per non sentirsi "serva", ovvero
l'acquisto della lavastoviglie ma poi non la si usa (caso citato dello
status symbol e non occorre una laurea in psicologia per capire il
meccanismo
b) se e' vera la mia ipotesi, semplicemente la signora se lo puo'
permettere e lavorando, quando torna a casa non ha nessuna voglia di
lavorare ulteriormente piu' del necessario - e notare che in questo
caso do' ragione alla signora "che fa le pulizie saltuariamente da lei"
Post by Gab
Scusi eh.. ma lei, Deboni dove vive? Cordiali saluti.
Lo sa quante volte che ho affrontato la stupida discussione del perche'
non ho questo o quello (potendolo avere) o perche' non ho quella o
questa abitudine sociale (che guarda caso richiede un pagare che esclude
ceti meno abbienti) ?
La mia replica semplice e': "Perche' non ne sento la necessita'."
Ebbene, e qui la cosa diventava prima noiosa, poi antipatica, arriva
la domanda, ma perche' non ne senti la necessita', ma ti sembra normale ?
(questa e' la fase antipatica) e cosi' via. Alla fine si arrabbiavano,
quando girando la frittata, replicavo: "ma dietro a questa tua insistenza
sembra quasi ti roda il dubbio di avere fatto l'acquisto o una certa
partecipazione sociale per pressioni esterne." E se non bastava,
rincaravo: "e forse c'e' anche qualche irrazionale senso di colpa ?
e quindi in questo caso "chi non ci sta" da fastidio, perche' prova che
si puo' "resistere" con un minimo di coerenza e dirittura morale ?"
Lei mi da l'impressione di essere un tipo del genere.
Io conosco il suo ambiente, come lo ha descritto, ne ho anche fatto parte.
Ma in venti anni di attivita' di amministratore condominiale di un
condominio in edilizia economica, ho visto uno spaccato di societa' con
cui altrimenti non avrei mai avuto a che fare. Ed anche senza ricorrere
ai dati ISTAT, mi sono fatto una statistica diversa, nonostante la zona
sia di una ricca citta' del Nord.
Se ha fatto caso, Gerolamo (molto intelligentemente) ha evitato di
insistere, perche' la mia semplice contabilita' energetica, senza
ricorrere a statistiche piu' o meno garibaldine o ipotesi di vita altrui,
e' da sola dimostrazione di una incompatibilita' tra il livello indicato
dei consumi (sub-mediano per questo paese) ed un uso quotidiano
della lavastoviglie (a meno di non usare mai la lavatrice, ma in
questo si dedurebbe in modo imbarazzante che "il bucato lo fa la
mamma", o altra donna di casa che tradizionalmente svolge tale compiti
in famiglia allargata).
Lei, ad esempio, quanto consuma di kW*h in un anno ?
Se consuma come Gerolamo, allora usa sporadicamente la lavastoviglie.
Se consuma come l'OP, allora e' ben fuori dalla media statistica delle
famiglie italiane.
Delle due l'una ...
Scusi il ritardo ma sono stato impegnato fuori sede.
No, Deboni, mi rifiuto di proseguire il dibattito perchè, decisamente
lei vive sul pianeta Marte, sulla Terra certamente no. La sua
disquisizione a livello socio/statistica/filosofica mi dimostra che lei
non è a conoscenza della vita della gente di tutti i giorni. Secondo lei
la gente compera la lavastoviglie per non essere da meno degli altri, ma
da quando, scusi, gli italiani sono diventati cosi sciocchi? la gente
compera la lavastoviglie e la usa alla grande perchè è comodissima, e
così idem per gli altri elettrodomestici. Ho l'impressione che lei sia
una persona sola, molto sola, e che abbia frequentato ambienti che non
rispecchiano ne la vita media degli italiani, ne il loro carattere. Mi
duole che lei soffra di solitudine, ma solo una persona "sola" può
scrivere quello che lei scrive. Con stima le porgo i miei più cordiali
saluti.
Gab


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
http://www.avast.com
Roberto Deboni DMIsr
2015-03-05 02:04:59 UTC
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Gab
Post by Gerolamo
Post by Roberto Deboni DMIsr
In conclusione, la situazione che lei riporta e' la situazione
minoritaria di una fascia benestante. Ebbene, non capisco perche'
non ha gia' incrementato la potenza contrattuale a 6 kW. Dopotutto,
sembra che se lo possa permettere.
La ringrazio della stima, ma è proprio sicuro delle sue conclusioni?
Non so dove lei abiti ma, visto quello che scrive, deve essere una
zona depressa. Qui dalle mie parti, (provincia BO), conosco decine di
famiglie, amici, colleghi, vicini, parenti, appartenenti alle
categorie sociali le più diverse, operai, impiegati, contadini,
commercianti. Ho fatto una piccola indagine.... TUTTI hanno la
lavastoviglie da anni e anni, quasi tutti hanno il congelatore oltre
al frigorifero che già include un freezer, e chi non l'ha dice che è
colpa della mancanza di spazio.
Piccola bugia, c'e' sempre una soluzione estetica, gli americani
insegnano.
Post by Gab
Quindi, questa sua affermazione di "situazione minoritaria di una
fascia benestante" mi sembra proprio fuori luogo.
Secondo l'ISTAT qualcosa piu' di un terzo delle famiglie (non degli
"italiani", bensi' dei meno numerosi "nuclei famigliari") possiede una
lavastoviglie, ma solo la meta' la utilizza. Dell'altra meta' una
piccola parte non l'ha usa perche' semplicemente non ha tempo,
sostanzialmente e' cosi' benestante che non puo' neanche concepire una
cucina senza tutti gli "optional". L'abbondante parte restante invece
non usa la lavastoviglie perche' ritiene di non potersi permettere il
costo dell'energia elettrica: per loro l'acquisto e' stato
sostanzialmente un "status-symbol" (come lo e' anche il ben maggiore
costo di acquistare una auto con caratteristiche ben superiori di
quelli di cui si ha necessita, fino al caso di chi compera un auto solo
per non "scomparire" socialmente - qui entra anche in gioco la sottile,
ma non meno potente, pressione sociale di quel brutto conformismo che
tende ad isolare chi appare "diverso", ad esempio, di un gruppo, quello
che e' l'unico senza auto ... alla lunga appare quasi come uno
scroccone ... vero ?).
Post by Gab
Direi che, almeno
dalle mie parti, è una situazione normalissima.
Mai fidarsi delle statistiche fatte in questo modo.
Post by Gab
Aggiungo per sua
conoscenza, ho chiesto anche ad una donna delle pulizie che
saltuariamente viene anche da noi,
E questo suppongo la qualifica come una famiglia "normale" ? Forse
perche' alla televisione ci sono quelle versioni italiane di "happy
days" ove la famiglia ha sempre la "domestica" ?
Post by Gab
famiglia non certo benestante,
e pure un filo sciovinista di casta, ove si legge tra le righe che una
donna delle pulizie sicuramente si qualifica come appartenente ad una
categoria non benestante ...
Post by Gab
marito
camionista, lei slavoricchia in qua e in la.
E finiscono quasi sempre a farsi la casetta fuori citta', ma non
perche' costa meno, ma perche' e' l'unico modo per avere e godersi un
bel giardino con l'angolo per l'orto.
Post by Gab
Bene, anche lei ha la
lavastoviglie e un grande congelatore oltre a tutto quello che ho io
ed ha un contratto di 4.5 KW.
A parte l'errore di implicare che potrebbero essere poveri (con due
entrate, o se preferisce, con una entrata e mezzo, di cui una
praticamente in nero ...) potrei darle due risposte: a) se e' vera la
sua tesi che non siano benestanti (con due entrate ...) si tratta
semplicemente di emulazione per non sentirsi "serva", ovvero l'acquisto
della lavastoviglie ma poi non la si usa (caso citato dello status
symbol e non occorre una laurea in psicologia per capire il meccanismo
b) se e' vera la mia ipotesi, semplicemente la signora se lo puo'
permettere e lavorando, quando torna a casa non ha nessuna voglia di
lavorare ulteriormente piu' del necessario - e notare che in questo
caso do' ragione alla signora "che fa le pulizie saltuariamente da lei"
Post by Gab
Scusi eh.. ma lei, Deboni dove vive? Cordiali saluti.
Lo sa quante volte che ho affrontato la stupida discussione del perche'
non ho questo o quello (potendolo avere) o perche' non ho quella o
questa abitudine sociale (che guarda caso richiede un pagare che
esclude ceti meno abbienti) ?
La mia replica semplice e': "Perche' non ne sento la necessita'."
Ebbene, e qui la cosa diventava prima noiosa, poi antipatica, arriva la
domanda, ma perche' non ne senti la necessita', ma ti sembra normale ?
(questa e' la fase antipatica) e cosi' via. Alla fine si arrabbiavano,
quando girando la frittata, replicavo: "ma dietro a questa tua
insistenza sembra quasi ti roda il dubbio di avere fatto l'acquisto o
una certa partecipazione sociale per pressioni esterne." E se non
bastava, rincaravo: "e forse c'e' anche qualche irrazionale senso di
colpa ? e quindi in questo caso "chi non ci sta" da fastidio, perche'
prova che si puo' "resistere" con un minimo di coerenza e dirittura
morale ?"
Lei mi da l'impressione di essere un tipo del genere.
Io conosco il suo ambiente, come lo ha descritto, ne ho anche fatto
parte. Ma in venti anni di attivita' di amministratore condominiale di
un condominio in edilizia economica, ho visto uno spaccato di societa'
con cui altrimenti non avrei mai avuto a che fare. Ed anche senza
ricorrere ai dati ISTAT, mi sono fatto una statistica diversa,
nonostante la zona sia di una ricca citta' del Nord.
Se ha fatto caso, Gerolamo (molto intelligentemente) ha evitato di
insistere, perche' la mia semplice contabilita' energetica, senza
ricorrere a statistiche piu' o meno garibaldine o ipotesi di vita
altrui, e' da sola dimostrazione di una incompatibilita' tra il livello
indicato dei consumi (sub-mediano per questo paese) ed un uso
quotidiano della lavastoviglie (a meno di non usare mai la lavatrice,
ma in questo si dedurebbe in modo imbarazzante che "il bucato lo fa la
mamma", o altra donna di casa che tradizionalmente svolge tale compiti
in famiglia allargata).
Lei, ad esempio, quanto consuma di kW*h in un anno ? Se consuma come
Gerolamo, allora usa sporadicamente la lavastoviglie. Se consuma come
l'OP, allora e' ben fuori dalla media statistica delle famiglie
italiane.
Delle due l'una ...
Scusi il ritardo ma sono stato impegnato fuori sede. No, Deboni, mi
rifiuto di proseguire il dibattito
Per forza, con i numeri ci poco da giocare ...
perchè, decisamente lei vive sul
pianeta Marte, sulla Terra certamente no. La sua disquisizione a livello
socio/statistica/filosofica mi dimostra che lei non è a conoscenza della
vita della gente di tutti i giorni.
Lo dica all'ISTAT.
Secondo lei la gente compera la
lavastoviglie per non essere da meno degli altri,
C'e' chi lo fa.
ma da quando, scusi,
gli italiani sono diventati cosi sciocchi?
"gli italiani" non esistono, e cosi' abbiamo scoperto un altro
che ragiona per categorie (questa imperante cultura di stampo fascista,
che e' tale anche se non si e' fascisti ...).

Esistono "gli sciocchi", e ci sono, in abbondanza, e non c'entra
nulla con gli italiani. C'e' un certo provincialismo che nell'insultare
un certo insieme, assurto a categoria, tradisce una totale centralismo
locale, come se pregi e difetti non esistessero fuori dai confini della
sua "geografia" (che, non come pensate, non combacia affatto con quel
paese dal nome Italia, ma e' molto piu' ristretto).
la gente compera l
lavastoviglie e la usa alla grande perchè è comodissima,
Certo, c'e' chi lo fa, alcuni anche se non possono permetterselo (e poi
non pagano la bolletta, sono quelli che entrano nei lunghi elenchi
aziendali dei "morosi").
e così idem per
gli altri elettrodomestici.
Alcuni, come la lavatrice, offrono un rapporto talmente elevato tra
vantaggi e costo, che, a meno di non potersi permettere la serva,
solo uno stupido non lo utilizzerebbe.
Ho l'impressione che lei sia una persona
sola, molto sola, e che abbia frequentato ambienti che non rispecchiano
ne la vita media degli italiani,
E daie', c'e' la proprio fissa con questa categorizzazione.
Si e' italiani (o di altra nazione) solo quando e' in gioco il
patriotismo. Solo degli sciocchi tirano in ballo una presunta italianita'
quando si tratta di ordinarieta', uguali in tutto il mondo, senza
distinzione di confini (salvo la "ricchezza", il "benessere", ma quella ha
confini sociali, di casta, non geografici o di appartenenze culturali).
ne il loro carattere. Mi duole che lei
soffra di solitudine, ma solo una persona "sola" può scrivere quello che
lei scrive.
Si rende conto, se fosse vero cio' che afferma, della sottile malvagita'
di questo suo commento ?

Ritengo di averle dato una tale quantita' di informazioni (prima che
la discussione degenerasse in una stupida ripicca), che qualcosa di
utile l'ha sicuramente trovato, e lei ricambia con questa cattiveria ?

Complimenti per come e' riuscito a centrare in pieno l'immagine che mi
ero fatta (seppure non con un tale lato negativo).
Gab
2015-03-07 10:49:05 UTC
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
ne il loro carattere. Mi duole che lei
soffra di solitudine, ma solo una persona "sola" può scrivere quello che
lei scrive.
Si rende conto, se fosse vero cio' che afferma, della sottile malvagita'
di questo suo commento ?
Ritengo di averle dato una tale quantita' di informazioni (prima che
la discussione degenerasse in una stupida ripicca), che qualcosa di
utile l'ha sicuramente trovato, e lei ricambia con questa cattiveria ?
Complimenti per come e' riuscito a centrare in pieno l'immagine che mi
ero fatta (seppure non con un tale lato negativo).
Non era mia intenzione ferirla e tantomeno offendere, se
inavvertitamente l'avessi fatto le chiedo scusa.
Ribadisco, io rimango della mia idea, io vivo in mezzo a gente comune,
persone che si incontrano e si incrociano tutti i giorni nella vita, lei
no, lei vede e ragiona in funzione di un'unica categoria di persone.
Meglio volgere lo sguardo a 360 gradi, si hanno idee più chiare.
Un cordiale saluto.
Gab



---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
http://www.avast.com
Roberto Deboni DMIsr
2015-03-12 00:02:51 UTC
Permalink
Post by Gab
Post by Roberto Deboni DMIsr
ne il loro carattere. Mi duole che lei soffra di solitudine, ma solo
una persona "sola" può scrivere quello che lei scrive.
Si rende conto, se fosse vero cio' che afferma, della sottile
malvagita' di questo suo commento ?
Ritengo di averle dato una tale quantita' di informazioni (prima che la
discussione degenerasse in una stupida ripicca), che qualcosa di utile
l'ha sicuramente trovato, e lei ricambia con questa cattiveria ?
Complimenti per come e' riuscito a centrare in pieno l'immagine che mi
ero fatta (seppure non con un tale lato negativo).
Non era mia intenzione ferirla e tantomeno offendere, se
inavvertitamente l'avessi fatto le chiedo scusa.
Ma poi ricalca, seppure senza effetto, come poi vedra'.
Post by Gab
Ribadisco, io rimango
della mia idea, io vivo in mezzo a gente comune,
Ed io ? Ma da dove le viene questa malsana idea ?
Post by Gab
persone che si
incontrano e si incrociano tutti i giorni nella vita, lei no,
Ma da dove le viene questa malsana idea ?
Post by Gab
lei vede e
ragiona in funzione di un'unica categoria di persone.
E quale sarebbe questa categoria ?
Post by Gab
Meglio volgere lo
sguardo a 360 gradi,
"... in venti anni di attivita' di amministratore condominiale di un
condominio in edilizia economica, ho visto uno spaccato di societa' con
cui altrimenti non avrei mai avuto a che fare."

Vogliamo scommettere che sono io ad avere visto "dall'interno" la
societa' a 360 gradi e lei invece si basa su una visione di solo .... 36
gradi ?
Post by Gab
si hanno idee più chiare.
Su questo non ci piove, la questione e' solo di capire chi "conosce"
di piu' della societa' nel suo complesso.

In ogni caso concedo che sono "fuori dal giro" da circa cinque anni, e
puo' anche essere che con la forza dell'Euro, molti si sono sentiti
invogliati ad acquistare la lavastoviglie.

Cio' nonostante questo non cambia nulla, sono i consumi che contano.
Naturalmente uno, nonostante che consumi poco (meno dei 2700 kW*h che E'
la media domestica italiana, volere o non volere), potrebbe anche essere
cosi' deficiente da collegare tutto nello stesso momento.

E cosi' mi riporto a come avevo aperto e lei, con modalita' sempre
piu' petulanti e malevoli ha contestato:


autocitazione
----------------------------------------------------------------------

Solo se si vuole usare tutto e subito.

Il vero "scoglio" ad una una potenza contrattuale di 3 kW, in una famiglia
"normale" e' l'eventuale presenza di un boiler elettrico, perche', dovendo
funzionare per ore, toglie di fatto una potenza di 1,2-1,5 kW da quella
disponibile, ovvero, per tutte le ore in cui il boiler elettrico riscalda
l'acqua (e per riscaldare 80 litri c'e' ne vuole) e' come se aveste solo
un contratto con 1,8-2,1 kW disponibili, che e' decisamente poco.

Ma se non c'e' un apparecchio esigente come il boiler elettrico, grazie
alla tolleranza fino a 4 kW (da non superare le 3 ore in un giorno), una
famiglia puo' benissimo vivere felice e contenta, semplicemente evitando
di usare in contemporanea uno dei seguenti apparecchi:

- lavastoviglie
- lavatrice
- stufetta elettrica impostata ad oltre 1,2 kW
- phon se da oltre 1,2 kW (tipo i modelli da 1,6 kW ...)
- ferro da stiro a caldaia in fase di preriscaldamento
- condizionatore/pompa di calore multisplit (ovvero che superano 1 kW)
- ...

insomma, l'idea e' di stare sotto i 4 kW considerata la presenza di
carichi permanenti/semipermanenti intorno ai 500 W che consistono nel
frigorifero+luci+televisori. Se e' c'e' un congelatore in piu', occorre
fare qualche calcolo (se frigo e congelatori sono classe A++ non c'e'
problema, appena non siano di dimensioni "amerikane").

----------------------------------------------------------------------

a cui lei ha sentito il bisogno di replicare:

Ma... il problema dei comuni mortali è che il limitatore (quello sul
contatore) scatta. E scatta troppo spesso. E' ovvio che si cerca di non
utilizzare gli elettrodomestici di forte consumo contemporaneamente ma
sembra che tutti i santi aiutino l'Enel perchè le bollette sono alte e
visto che lei me lo chiede le mie raggiungono i 300 euro (con 3Kw).

----------------------------------------------------------------------

Poi chi calcoli mi permettono di ricavare che lei consuma, in base alla
sua affermazione, piu' di 6000 kW*h/anno. E visto che la media domestica
italiana di 2700 kW*h e' ben piu' bassa, l'ho subito segnalata per non
essere affatto un "comune mortale".

Ma e' lei ne pare piccato. Anzi, a leggerla si dovrebbe dedurre che a
Bologna la maggioranza delle famiglie consuma piu' di 6000 kW*h/anno.
Ho capito male ?

All'inizio non capivo le ragioni per questa sua insistenza (se non e'
tra i comuni mortali, che male c'e'?), ma poi quando ha tentato di
colpire basso, ho capito, lei in realta' aveva intenzione solo di
provocare, irritare, con l'obbiettivo di fomentare gli animi.

Altrimenti, risponda: e' stato veritiero nell'affermare di spendere
300 Euro al bimestre (suppongo che le sue bollette siano bimestrali) ?


Per chi non avesse capito il nocciolo della faccenda:

"Chi sfonda i 6000 kW*h di consumo annuo, piu' del doppio della media
domestica italiana, evidentemente usa con notevole frequenza i suoi
elettrodomestici di consumo importante, e quindi gli diventa sempre
piu' difficile trovare "abbinamenti temporali" (considerando che di
notte, circa 8-10 ore al giorno, non puo' o non vuole usarli) che
non facciano scattare il limitatore di potenza (che e' regolato
a 4000W per un totale di almeno 3 ore al giorno!!!)"

Insomma, se ha 3 kW contrattuali ed un consumo di oltre 6000 kW*h/anno
non mi meraviglio affatto che gli salta spesso l'energia elettrica.
Ma non e' un comune mortale.


Ci sono quasi 25 milioni di famiglie in Italia. Sarebbero 150 miliardi
di kW*h ovvero 150 TW*h. Piu' della meta' del consumo elettrico italiano.
Solo che Terna non e' d'accordo.

http://www.terna.it/default/Home/SISTEMA_ELETTRICO/statistiche/dati_statistici.aspx

Documento "Consumi", pagina 3:

GW*h 2012 2013
------------------------------
DOMESTICO 69.456,6 66.983,2

quindi siamo a meno di 70 TW*h che ci restituisce una media di
2700 kW*h/anno. Quindi dove sta la normalita' ?

giorjen
2015-03-09 07:36:17 UTC
Permalink
Post by Gab
depressa. Qui dalle mie parti, (provincia BO), conosco decine di
famiglie, amici, colleghi, vicini, parenti, appartenenti alle categorie
sociali le più diverse, operai, impiegati, contadini, commercianti. Ho
fatto una piccola indagine.... TUTTI hanno la lavastoviglie da anni e
pag 193:
http://www.iea.org/publications/freepublications/publication/Building2013_free.pdf

si vede che nei paesi civilizzati la penetrazione delle lavastoviglie era oltre il 50% già nel 2010. Rimangono indietro UK e giappone ma per il semplicissimo motivo che hanno abitudini alimentari molto diverse, mangiano più spesso fuori soprattutto nelle aree urbane e mangiano diversamente.
c'è anche la tabella dei consumi per vari eletrodomestici.
g
Herik
2015-02-21 10:09:19 UTC
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
niente televisione, ma in ogni caso un televisore LED, anche di grande
schermo, ha consumo a regime sotto i 100W (il valore di targa e' un
"limite" massimo).
il mio 55" di qualche anno fa ne consuma 60 in uso normale, altro che
plasma.
--
E quindi uscimmo a riveder le stelle.
Erano cinque: mi toccai le palle. [Paolo Pellegrino]
Herik
2015-02-20 08:30:05 UTC
Permalink
Post by Gerolamo
Insomma, per una persona che è a casa solo a sera e notte e magari vuole
sfruttare le tariffe biorarie, non è poi così comodo organizzarsi
per stare dentro i 3KW.
io ho fatto il passaggio inverso (4,5 -> 3) e mi sono dotato di
misuratore di consumi che fischia se passo i 3,5KW, per 2700 KWh annui,
ho scoperto che ho risparmiato circa 250 euro, fate una simulazione su
www.segugio.it , ho scoperto anche che uscendo dalla maggior tutela
arriverei a risparmiare ben 28 euro all'anno sul "libero mercato"!
--
E quindi uscimmo a riveder le stelle.
Erano cinque: mi toccai le palle. [Paolo Pellegrino]
Roberto Deboni DMIsr
2015-02-15 12:07:35 UTC
Permalink
Non e' OT per la parte che riguarda la contrattualistica (le potenze).
Piccola premessa avevo 6 kW e per ridurre i costi e spendere meno sono
passato a 3 kW.(credo che poi arrivi fino a 3,3kW?)
Alla "potenza contrattuale" di 3 kW corrisponde una "potenza disponibile"
di 3,3 kW e grazie ad un accordo con i consumatori, e' possibile, per
alcune ore (mi pare 182 minuti, ma meglio non arrivare al limite),
un prelievo rigorosamente sotto la "potenza limite" di 4 kW (ma alcuni
distributori diversi da ENEL, concedono fino a 4,2 kW) che interviene
dopo almeno 2 minuti (ovvero potreste anche prelevare piu' di 4 kW per
un tempo variabile tra 2 e 4 minuti).
Ma c'e' anche una "potenza di stacco immediato", che pare essere intorno
ai 14 kW (per un contratto da 3 kW), a cui lo scatto avviene entro 1-2
secondi.
Questa sera
lavatrice accesa ,devo dire che è abbastanza vecchia più di 25anni,frigo
acceso ,due televisori accesi,lampadina led accesa corridoio e
basta.Appena la lavatrice ha iniziato la "centrifuga"
Le potenze in gioco sono di circa 2 kW per la fase di riscaldamento
dell'acqua, circa 0,3 kW per il motore che fa ruotare il tamburo,
di circa 0,6 kW per il motore in fase di centrifuga.

Quindi dal mero punto di vista della potenza, il massimo assorbito da
una lavatrice si ha durante la fase di mantenimento del riscaldamento,
quando il tamburo ruota, ovvero 2 + 0,3 = 2,3 kW

La fase di centrifuga (salvo guasti del rele' multiplo temporizzatore,
quindi dovrebbe essere decisamente di minore consumo.

Unico fattore critico potrebbe essere lo spunto di corrente quando
inizia la centrifuga, in cui il motore assorbe circa 3 volte la corrente
che potrebbe fare scattare il magnetotermico se ci fossero altri
assorbimenti concomitanti (ferro da stiro, phon, lavastoviglie in fase
di riscaldamento, stufetta elettrica) sulla stessa linea.
il ,credo si
chiami ,"interruttore differenziale" da 25A dentro l'appartamento
scatta,
Se e' un differenziale puro scatta solo in caso di dispersione ed
in ogni caso, se anche fosse "misto", l'indicazione di portata "25A" fa
presumere una potenza limite di 5,75 kW, siamo ben oltre alla portata
limite di 4 kW.

Ma la questione e': cosa c'entra la potenza contrattuale, disponibile
e limite, con l'intervento del differenziale di propria proprieta' ?
mentre i due magnetotermici (uno alle prese e uno alle lampadine
non scattano)
e che peraltro sono al massimo da 16A (ovvero 3,68 kW massimi di
portata continua) ovvero scattano prima della potenza limite fornita
dal distributore per un contratto da 3 kW, figurarsi per un contratto
da 6 kW.

In altre parole, il cambio di potenza, "Chiaro e Tondo!" non c'entra
nulla con il problema citato.
http://www.techup.it/files/image/1923/450rDSC_0643.JPG come questo ma
con solo due magnetotermici,
Probabilmente su uno ci legge C16 o qualcosa del genere e sull'altro C10
o qualcosa del genere.

Consideri che un C10 corrisponde grosso modo a 2,3 kW (dipende anche dal
fattore di potenza) ed un C16 corrisponde grosso modo a 3,7 kW (se il
fattore di potenza e' unitario).
Mi chiedo possibile che una lavatrice pur vecchia due televisori accesi
e il frigo e una lampadina led si "ciucciano" più di 3kW?
E' scattato il limitatore di potenza del telegestore ?
No.
Ed allora cosa c'entra la riduzione di potenza contrattuale ?
Qualcuno per
favore può darmi qualche consiglio?Ho chiamato vari elettricisti o
peseudo tali,ma tutti con risposte sibilline .
O ignoranti o disonesti (la risposta e' di una semplicita' disarmante
e non giustifica tergiversamenti).

Se non e' scattato il limitatore di potenza del telegestore la
potenza contrattuale non c'entra nulla.

Se scattano gli interruttori (che sono gli stessi di quando aveva il
contratto da 6kW, ho indovinato ?) dell'appartamento sarebbero scattati
anche se la potenza contrattuale era ancora a 6 kW, non le pare ?


Ed ora andiamo al problema: la mia ipotesi e' che a causa di eccessivi
scuotimenti in fase di avvio della centrifuga, avvenga un contatto
tra una fase e la massa (la carcassa della lavatrice che appare
correttamente messa a terra) e questo fa scattare il differenziale.

Controllare quindi:

a) se lo scherzo avviene anche avviando la centrifuga a lavatrice vuota
(infatti in talcaso parte "liscia", senza saltare)

b) se i piedini stabilizzatori sono ancora correttamente regolati
(ovvero la lavatrice non deve ballare su tre o due appoggi, ma
essere sistemata saldamente su tutti e quattro gli appoggi)

c) se in quella occasione c'era troppo carico oppure si tratta di
pezzi di biancheria voluminosa (tipo una coperta) che hanno
sbilanciato il carico

d) se le molle stabilizzatrici sono ancora bene fissate, come i
contrappesi (si potrebbe vedere da dietro, togliendo il coperchio
posteriore, o da sopra, sfilando il piano superiore: ma attenzione,
dentro le vecchie lavatrice ci sono molti punti in cui le fasi
sono esposte, ovvero c'e' pericolo di scossa)

In altre parole forse non c'e' nulla di guasto.

Altrimenti e' saltato l'isolamento di qualche componente all'interno
della lavatrice (magari e' la resistenza elettrica che e' corrosa
e gli scuotimenti fanno si' che il filo interno tocchi e non tocchi
il tubo esterno della resistenza, ma e' solo una delle tante ipotesi
possibili).

Prima passerei a verificare che appunto la lavatrice non traballi troppo
in fase di centrifuga, e se il problema persiste anche in caso di
centrifuga "tranquilla".
Continua a leggere su narkive:
Risultati di ricerca per 'OT:3 kWh insufficienti?' (newsgroup and mailinglist)
25
risposte
OT:3 kWh insufficienti?
iniziato 2015-02-15 17:56:43 UTC
it.hobby.fai-da-te
37
risposte
[OT] FINALMENTE MIO !!!
iniziato 2005-07-28 22:44:38 UTC
it.hobby.fai-da-te
46
risposte
[OT] curiosità - consumi elettrici casalinghi
iniziato 2012-12-15 21:25:51 UTC
it.discussioni.misteri
96
risposte
3 kWh insufficienti?
iniziato 2015-02-14 12:30:33 UTC
it.hobby.fai-da-te
Risultati di ricerca per 'OT:3 kWh insufficienti?' (Domande e Risposte)
5
risposte
Il funzionamento di un'asciugatrice a 120 V fa aumentare i costi dell'elettricità?
iniziato 2018-08-24 18:03:51 UTC
fai da te
1
rispondi
Cosa succede alla parte complessa della funzione d'onda quando si esegue LCAO?
iniziato 2015-09-11 08:43:35 UTC
chimica
4
risposte
I piloti hanno il loro intrattenimento in volo?
iniziato 2017-04-16 19:02:11 UTC
aviazione
1
rispondi
Vivere sopra un ristorante
iniziato 2019-02-12 23:31:12 UTC
legge inglese
Discussioni interessanti ma non correlate
6
risposte
La TSA mi consentirà di trasportare un dispositivo per la pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) / per l'apnea notturna?
iniziato 2019-05-30 16:38:19 UTC
12
risposte
Il mio nome causa un problema con qualsiasi prenotazione! (i nomi finiscono con MR e MRS)
iniziato 2019-11-05 09:52:34 UTC
5
risposte
Cosa possono fare i funzionari di sicurezza quando sospettano il mio bagaglio registrato?
iniziato 2013-04-07 02:06:14 UTC
5
risposte
L'uso del franco svizzero (CHF) è più economico dell'euro (EUR) in Svizzera?
iniziato 2019-12-09 23:00:03 UTC
5
risposte
Mi è stato negato ingiustamente l'imbarco per avere un visto Schengen rilasciato dal secondo paese nel mio itinerario?
iniziato 2019-07-03 10:13:39 UTC
Loading...